Cuba, l'uragano Ike si dirige verso l'Avana

L'Uragano Ike devasta è arrivato sull'isola di Cuba
1' di lettura

4 morti e 2 milioni di evacuati per il passaggio dell'uragano. Sull'isola piogge torrrenziali e venti che arrivano a 195 chilometri orari. Le strade inondate da fiumi d'acqua; il mare è penetrato per 400 metri

l'Uragano Ike si dirige verso la costa meridionale di Cuba dove ha causato la morte di 4 persone e costretto allo sgombero di turisti e abitanti. L'uragano è ora classificato in categoria 1, con venti a 130 chilometri orari, e si muove a una velocità' di 20 chilometri l'ora verso le acque del Golfo del Messico. Nelle ultime 48 ore e' calato di intesità rispetto a quando ha investito la costa nordorientale di Cuba con venti a 205 chilometri orari e violente piogge. I meteorologi stimano che a breve possa riprendere vigore e tornare a categoria 3 lungo la traiettoria che potrebbe portarlo fino alla costa del Texas.

Su tutta l'isola caraibica è stato di massima allerta. Nella città di Holguin, forti raffiche hanno sradicato alberi e scardinato piloni dell'energia elettrica, mentre le strade, completamente deserte, venivano inondate da fiumi d'acqua. Le prime avvisaglie erano state avvertite nella località di Moa, dove l'uragano ha spinto il mare a penetrare per 300 metri all'interno della terraferma. A Baracoa (nella baia di Guantanamo) il mare è penetrato per 400 metri, confermando le previsioni dei meteorologici locali e delle autorità che avevano annunciato l'uragano come "estremamente pericoloso".

Leggi tutto
Prossimo articolo