Square in borsa: radiografia dell’altra società di Mr Twitter

Jack Dorsey, da poco nuovamente al comando del social network che cinguetta sta per collocare in borsa un'altra azienda da lui fondata e guidata. La società vuole rivoluzionare il mondo dei pagamenti trasformando tablet e smartphone in registratori di cassa. GUARDA LE IMMAGINI

  • Tra le società più interessanti della Silicon Valley che si apprestano a sbarcare in borsa c'è Square. La start-up che vuole rivoluzionare i pagamenti ha appena presentato i documenti preliminari per il collocamento - Facebook, non solo “like”, arrivano le reactions
  • ©Flickr
    Square è stata lanciata nel maggio del 2010. La sua missione è quella di fornire agli esercizi commerciali un modo più semplice per accettare pagamenti grazie a un piccolo dispositivo quadrato che si inserisce in smartphone e tablet - Credit: Courtney Dirks / Flickr
  • ©Getty Images
    Il fondatore e amministratore delegato di Square è Jack Dorsey, già co-fondatore di Twitter e ora (di nuovo) amministratore delegato della società che cinguetta - #EducationDay, l'università si racconta su Twitter
  • ©Getty Images
    A luglio Dorsey, che era stato amministratore delegato di Twitter fino al 2008, è ritornato al social network per coprire quella posizione. Il fatto che guidi due società è visto come un problema in vista del collocamento in borsa di Square - Clinton, Bill e Hillary festeggiano 40 anni di matrimonio su Twitter
  • ©Flickr
    Jack Dorsey è considerato uno degli imprenditori più brillanti della Silicon Valley anche se in passato è stato accusato di essere un po' dispersivo e non dedicarsi abbastanza alle sue creature. Di recente ha annunciato che regalerà circa 200 milioni di dollari in azioni di Twitter ai dipendenti. Di qualche settimana fa anche la notizia del licenziamento di circa 300 dipendenti del social network - Credit: Esten Hurtle / Flickr
  • ©Getty Images
    Square – che lo scorso ottobre è stata valutata ben 6 miliardi di dollari – punta a raccogliere in borsa 275 milioni di dollari - Africa, un hashtag contro gli stereotipi
  • ©Flickr
    Il prodotto di punta di Square è un piccolo dispositivo quadrato che si attacca a smartphone e tablet e permette di leggere carte di credito accettando così transazioni - Credit: Joe Ross / Flickr
  • ©Flickr
    Nei primi 6 mesi del 2015 Square ha fatto registrare entrate 560 milioni, il 51% in più rispetto allo stesso periodo del 2014. L'azienda è andata comunque in rosso di 76,6 milioni di dollari, 3 milioni in meno rispetto allo stesso periodo del 2014 - Credit: shardayyy / Flickr
  • ©Getty Images
    La maggior parte delle entrate di Square derivano dalle commissioni che trattiene sulle transazioni effettuate attraverso i suoi dispositivi di lettura delle carte di credito. Ma non si tratta dell'unica fonte di introiti - Obama, primo presidente digitale. Infografica
  • ©Flickr
    Nei documenti preliminari al collocamento in borsa si legge che Square sta sviluppando anche altre sorgenti di entrate. Per esempio, Square Capital che presta denaro agli esercizi commerciali in cambio di una percentuale sulle entrate future - Credit: Chris Harrison / Flickr
  • ©Flickr
    Nel complesso Square Capital e altre unità di business minori hanno generato 21 milioni di dollari di fatturato nella prima metà del 2015, il 4% del totale (era l'1% nel 2014) - Credit: Chris Harrison / Flickr
  • ©Getty Images
    Jacqueline Reses è arrivata a ottobre da Yahoo proprio per guidare Square Capital, una delle nuove fonti di entrate di Square - Twitter e Facebook, quanto i post sono affari di stato
  • ©Flickr
    Jack Dorsey non ha interessi solo in Twitter dal momento che risulta anche avere delle quote in West Studios, società di marketing che ha lavorato sia per Square che per il social network - Credit: ray.k / Flickr
  • ©Getty Images
    Il fatto che West Studios, in cui Dorsey ha delle quote, abbia lavorato sia per Twitter che per Square ha fatto storcere qualche naso dentro le due aziende - Obama sbarca su Twitter con un account personale
  • ©Getty Images
    Jack Dorsey dovrà convincere gli investitori ad avere fiducia nella sua società in un momento in cui gli ultimi collocamenti in borsa di società tecnologiche non sono stati trionfali - Dopo Twitter anche Wikipedia contro la NSA
  • ©Flickr
    I 275 milioni che Square intende raccogliere in borsa potrebbero non essere una cifra casuale, ha osservato qualcuno. La società trattiene infatti il 2,75% di commissione sulle transazioni - Credit: Wei Yang / Flickr
  • ©Flickr
    Jack Dorsey è anche l'uomo che avrebbe più da guadagnare dal collocamento in borsa di Square. Con il 24,4 % delle azioni la sua è la quota più grande - Credit: Dave Taylor / Flickr
  • ©Flickr
    Lo scorso anno sono stati più di due milioni, secondo la società, gli esercizi commerciali che hanno utilizzato Square almeno cinque volte - Credit: Thierry Ehrmann / Flickr
  • ©Getty Images
    Molti analisti osservano che anche se il business di Square è in crescita, i margini di guadagno non sono comparabili a quelli di altre società tecnologiche - Facebook, non solo “like”, arrivano le reactions