Becoming Steve Jobs, nuova biografia del fondatore di Apple

Arriva un nuovo libro sulla vita dell'uomo che ha creato il mito di Cupertino. Dalle decine di interviste con familiari, amici e colleghi, emerge un ritratto più umano rispetto a quello tracciato dall'opera ufficiale di Walter Isaacson. FOTO
  • La copertina di "Becoming Steve Jobs". Gli autori sono Brent Schlender, noto giornalista tecnologico, e Rick Tetzeli, executive editor del magazine Fast Company. In Italia uscirà il 7 aprile con il titolo “Steve Jobs Confidential” (Sperling&Kupfer) - Il sito ufficiale del libro
  • Apple ha più volte sottolineato i meriti della nuova biografia rispetto a quella "ufficiale" di Walter Isaacson (che avrebbe il limite di offrire una visione di Jobs come leader freddo e calcolatore) - Credits: Twitter/iBooks
  • Il Ceo Tim Cook racconta nel libro di avere lo stesso gruppo sanguigno raro di Jobs e di avergli offerto il proprio fegato per il trapianto. Ma il fondatore della Apple rifiutò categoricamente. "Una persona egoista - dice - non avrebbe risposto così"- Steve Jobs rifiutò l'operazione che avrebbe potuto salvarlo
  • Commentando il carattere non facile del suo ex capo, Tim Cook dice: “Steve voleva che tutto fosse perfetto. Molte persone hanno frainteso questa passione per arroganza. Non era un santo ma è profondamente falso dire che non è stato un grande essere umano" - Apple, Tim Cook: "Orgoglioso di essere gay"
  • Steve Jobs è stato un grande amico di Bob Iger, attuale Ceo di Walt Disney. Prima del trapianto di fegato del 2009, i due si incontravano “tre o quattro volte a settimana” - Steve Jobs, tutte le invenzioni del genio della Apple
  • Tra le tante rivelazioni contenute nella nuova biografia, anche le discussioni di business tra Steve Jobs e Bob Iger: “Parlavamo di comprare insieme Yahoo”, ricorda l’attuale Ceo della Disney - La Apple nell'era Steve Jobs
  • Bob Iger era uno dei pochi esterni ad avere accesso privilegiato al campus della Apple. Per lui erano aperte anche le porte del segretissimo Design Lab di John Ive, dove vengono realizzati i prototipi dei nuovi prodotti - Apple svela il suo primo Watch. GUARDA LE FOTO
  • La biografia racconta anche l’incontro con Johnatan Ive, il responsabile del design alla Apple. “E’ un angelo”, disse Jobs di lui - Le tendenze tecnologiche per il 2015. FOTO
  • "Non mi piace la Tv. Apple non farà mai più una Tv" avrebbe detto Steve Jobs esprimendo la propria frustrazione per non riuscire a realizzare una iTv all’altezza dell’iPod e dell’iPhone - "Jobs", il film sul genio della Apple
  • Cosa piaceva di più a Steve Jobs del primo iTunes? Secondo il libro, "il visualizzatore psichedelico che generava immagini colorate in automatico” - Apple, nuovi iPad e un nuovo iMac. FOTO
  • Il cantante Neil Young ha spesso criticato Apple per promuovere formati musicali di bassa qualità. Il rocker ha poi provato a far pace con Jobs offrendogli alcuni dei suoi vinili. Questa la replica del boss Apple: “Fuck Neil Young and fuck his records” - U2 e il regalo forzato del nuovo album. Bono si scusa
  • Tra le persone intervistate nella nuova biografia anche Laurell Powell, la moglie di Jobs che parla così del proprio marito: “Steve era una macchina per l’apprendimento. Imparava dai suoi tanti fallimenti e applicava sempre le lezioni rivevute” - Steve Jobs: vita, parole e immagini del genio dell'hi-tech
  • L’eterno amico-rivale Bill Gates dice agli autori della biografia: “Dovreste titolare il vostro libro ‘Non fatelo da soli a casa’, tanto era alto il livello di difficoltà di ciò che Steve ha realizzato” - "Jobs", il film sul genio della Apple
  • Tra gli ultimi progetti di Steve Jobs, il campus 2 di Cupertino, per il quale ha lavorato fianco a fianco con lo studio Norman Foster Architects. L’obiettivo? Realizzare “il migliore ufficio nel mondo” - Credits: Wikimedia
  • Altro progetto innovativo avviato da Jobs (di cui si è sempre saputo molto poco): la Apple University, un programma di aggiornamento pensato per condividere le competenze e imparare dai successi (e dai fallimenti) dell’azienda - Macintosh, 30 anni di computer targati Apple. FOTO
  • Eddie Cue, uno dei top executive di Apple (qui con Tim Cook) rircorda gli ultimi giorni di Jobs alla Apple: “Ha tenuto duro fino alla fine, anche se soffriva. Lo vedevi ai meeting: prendeva la morfina e capivi che stava male. Ma si dimostrava interessato" - Mac 1984-2014, trenta anni di spot Apple
  • Sempre da Eddie Cue è arrivato un altro forte endorsement per la nuova biografia: “La prima a dire le cose in maniera giusta” ha commentato su Twitter - Credits: Twitter/Eddie Cue