Dell, ascesa e declino dell’azienda simbolo dei pc

Dopo i tanti problemi commerciali, lo storico marchio produttore di computer lascia la Borsa e diventa una compagnia ‘privata’. Dall’eterna competizione con HP all’arrivo dei concorrenti di Lenovo, 29 anni di storia tra successi e flop. LA GALLERY
  • Una cordata di investitori, composta da Microsoft e dal fondatore Michael Dell (nella foto), ha acquistato per 24,5 miliardi di dollari lo storico marchio simbolo dei pc. La società non sarà più quotata in Borsa, ma diventerà una compagnia privata. Da Olivetti all'iPad: i pc che hanno fatto la storia
  • Michael Dell, nato in Texas nel 1965, è il fondatore dell'omonima azienda che, sfidando il colosso Ibm, ha raggiunto il vertice del mercato del pc nel 2001. Ora è stato predisposto il buyout e l'uscita dalla Borsa. 2013, l'anno dei phablet
  • 1984 – L'avventura di Michael Dell nel mondo dei pc iniziò nel 1984 con la PC's Limited che assemblava cloni dei modelli Ibm rivendendoli a prezzi bassi. Primo esemplare il Turbo Pc del 1985. Smartphone, Windows Phone si difende. Ma solo in Italia
  • Nel 1988 La PC's Limited diventa Dell Inc. e viene quotata in borsa. In breve tempo conquista quote di mercato e nel 1992 entra a far parte dell’esclusiva cerchia della aziende migliori del mondo (Fortune's 500). Apple, rallenta la domanda di iPhone 5
  • Nel 1996, con largo anticipo sui concorrenti, adotta l'e-commerce come canale di vendita preferenziale. I computer Dell si possono acquistare online in tutto il mondo. Il nuovo modello di business è premiato dal mercato. iPhone al figlio adolescente?
  • Dal 1997 al 2004 le azioni della società, spinte da fatturati in costante crescita, aumentano il proprio valore, permettendo all'azienda di superare bene anche pesanti periodi di crisi per tutto il settore, come avvenne nel 2000. Da Amazon a Google: arrivano i tablet low-cost
  • Dell corona la propria crescita diventando nel 2001 il leader del mercato pc globale. Una leadership che ancora per qualche anno contenderà ad HP. Istat: nel paniere 2013 entrano i phablet, fuori i netbook
  • Nel 2004, all'età di 39 anni e all'apice del successo della sua azienda, Michael Dell abbandona la carica di Ceo che sarà affidata a Kevin Rollins. I problemi per Dell Inc stanno per iniziare, nuovi concorrenti (cinesi) si affacciano al mercato. E-reader, finito il boom? Tablet sul banco degli imputati
  • Nell'estate del 2006 i clienti segnalano un grosso problema con i portatili Dell: le batterie, prodotte da Sony, tendono a prendere fuoco. L'azienda è costretta a richiamare 4 milioni di pc già venduti. Apple, titolo giù nonostante i ricavi record: aria di crisi?
  • Nel tentativo di fronteggiare la crisi dell'azienda, stretta tra HP e Lenovo, nel 2007 Michael Dell torna a dirigere le operazioni. “Mi sembra di essere nel 1984 ma con molto più capitale a disposizione” dichiara. Tutti pazzi per il tablet
  • Nonostante il ritorno del fondatore, l'azienda non riesce a risolvere i propri problemi di competitività. Le azioni continuano a perdere valore. Addio pc: nel 2011 più smatphone e tablet
  • Dell tenta la strada della differenziazione dell'offerta. Si lancia nel mercato degli smartphone e delle soluzioni per le aziende. Gli esiti, però, non sono felici. Pc e Wi-fi, la scuola digitale resta chimera
  • L'azienda è costretta dalla Security and Exchange Commission Usa (SEC) a pagare una multa di 100 milioni di dollari per aver gonfiato i bilanci dal 2002 al 2007. L'invasione degli ultra-book
  • Più che HP, l'avversario più temibile per Dell si è rilevato Lenovo. Il produttore cinese, dopo aver acquisito la divisione pc da IBM, ha soppiantato l'azienda di Michael Dell, diventando oggi la seconda forza del mercato. Da Olivetti all'iPad: i pc che hanno fatto la storia
  • Nel gennaio 2013 Michael Dell ha preso una decisione radicale: ricomprare le azioni e togliersi da Wall Street. L'operazione, da 24,5 miliardi di dollari è possibile grazie anche al contributo di un vecchio amico come Bill Gates. Surface versus iPad, tablet a confronto