Pensioni, Boeri: "Con blocco adeguamento età, 140 mld di spesa in più"

Il presidente dell'Inps Tito Boeri (LaPresse)
2' di lettura

Il presidente dell’Inps, intervenuto ad un convegno sulla povertà dei minori, ha avvertito del rischio che gli italiani corrono da oggi fino al 2040 se non si dovesse adeguare l’età pensionabile alla speranza di vita. Bisogna "pensare di più ai bambini", ha aggiunto

Con il rinvio dell'adeguamento dell'età pensionabile alla speranza di vita, tema di cui si sta discutendo nelle ultime settimane, "si può rompere il meccanismo che ci permette a tutti di vivere senza preoccupazioni". Tito Boeri, presidente dell’Inps, intervenendo ad un convegno sulla povertà dei bambini ha lanciato il monito, invitando poi gli italiani ad essere meno egoisti nei confronti degli adulti di domani.

Spesa aggiuntiva di 140 miliardi fino al 2040

"Il meccanismo, se rotto, può portare il Paese a una spesa aggiuntiva per pensioni da qui al 2040 di 140 miliardi". Secondo Boeri, piuttosto che pensare ancora di più alle persone che superano i 65 anni e che sono la fascia della popolazione colpita meno dalla crisi, si dovrebbe invece prestare più attenzione alle famiglie con figli minori. Stando a quanto riferisce il presidente dell’Inps, non bastano nemmeno più i trasferimenti che i nonni fanno ai nipoti con la loro pensione.

"Pensare ai bambini"

"La parte di spesa pensionistica che va ai minori - ha detto - è sempre di meno perché sempre meno pensionati hanno nipoti. Non si può contare neanche su questo trasferimento. Gli italiani - ha proseguito - sono attenti alle famiglie e ai nipoti ma nelle scelte finiscono per essere fortemente egoisti verso i bambini. Bisogna pensare di più ai bambini nel modo in cui si distribuisce la spesa sociale del Paese".

Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24