Istat: inflazione +1,5% su base annua, dato più alto da marzo 2013

1' di lettura

Corre a febbraio l'indice dei prezzi al consumo. A trainare i valori verso l'alto sono le spese per gli alimentari e i trasporti. Osservati speciali i vegetali e il trasporto aereo

Corre l'inflazione a febbraio. Secondo le stime preliminari dell’Istat, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,3% rispetto al mese precedente e dell'1,5% nei confronti di febbraio 2016. Si tratta dell'aumento maggiore a partire da marzo 2013 (quando era stato +1,6%).

 

In aumento i prezzi dei beni alimentari – L’Istat spiega che l'accelerazione dell'inflazione a febbraio si deve per lo più alle componenti merceologiche, i cui prezzi sono maggiormente volatili e in particolare agli alimentari non lavorati (+8,8%, era +5,3% a gennaio) e ai beni energetici non regolamentati (+12,1%, da +9,0% del mese precedente). A rafforzare l'inflazione c'è poi l'accelerazione della crescita dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+2,4%, da +1,0% di gennaio).

 

 

Caffè e olio trainano i prezzi verso l’alto - Considerando i due principali aggregati (beni e servizi), a febbraio si amplia sia il tasso di crescita dei prezzi dei beni (+1,9%, da +1,2% di gennaio) sia , anche se in misura più contenuta, il tasso di crescita dei servizi ( +0,9%, era +0,7% il mese precedente). Il rialzo congiunturale dei prezzi degli Alimentari non lavorati è dovuto in primo luogo agli aumenti dei prezzi dei Vegetali freschi (+12,5%) che segnano, su base annua, un’accelerazione della crescita particolarmente marcata (+37,3%, era +20,4% a gennaio). Per gli Alimentari lavorati si segnalano gli aumenti su base mensile dell’Olio di oliva (+0,5% sia su base mensile sia su base annua) e del Caffè (+0,4%, variazione nulla rispetto a febbraio 2016).

 

 

 

 

 

La dinamica dei prezzi dei servizi – Inversione di tendenza nei prezzi relativi al trasporto aereo passeggeri, che registrano un aumento del 9,1% e mostrano su base annua una marcata inversione di tendenza (+12,8%, da -3,6% di gennaio). Accelerazione su base mensile per quelli del trasporto ferroviario, che segnano un rialzo del 2,7% rispetto a gennaio.

 

Leggi tutto