Enav lancia "free route": rotte più brevi per gli aerei

Entro il 2022 tutti i paesi europeri dovranno attivare Free Route (Getty Images)
1' di lettura

Dall’8 dicembre i velivoli in sorvolo ad una quota superiore agli 11.000 metri potranno pianificare, senza vincoli, la traiettoria migliore risparmiando carburante, emissioni nocive e ovviamente costi, mantenendo inalterati i livelli di sicurezza. Si stima un risparmio complessivo per le compagnie aeree di 140.000 euro al giorno

Voli più rapidi ed economici per le compagnie aeree. Questo l'obiettivo di Free Route il programma di Enav, la società che gestisce il traffico aereo civile in Italia, che parte l'8 dicembre in tutto lo spazio aereo nazionale. Dall'una di notte, i velivoli in sorvolo - che quindi non atterrano o decollano su un aeroporto italiano - ad una quota superiore agli 11mila metri potranno attraversare i cieli italiani con un percorso diretto senza far più riferimento al network di rotte, che verranno completamente eliminate.

 

Un evento rivoluzionario – Il nuovo programma promette di ridisegnare le logiche di volo per il trasporto aereo nazionale ed europeo. Dalla sua entrata in vigore le le compagnie aeree potranno infatti pianificare liberamente la traiettoria di volo più breve, il che consentirà loro di risparmiare carburante e ovviamente costi, limitare le immissioni di fattori inquinanti nell'aria, mantenendo inalterati i livelli di sicurezza.

L'Enav ha anche comunicato che il Free Route sarà disponibile non solo per il traffico aereo in sorvolo, che quindi non atterra o decolla su un aeroporto italiano, ma per qualsiasi volo che intende percorrere una porzione della sua rotta al di sopra della quota di 11.000 metri.

 

I risparmi - Grazie alll'introduzione del Free Route, Enav garantirà a più di 3500 voli al giorno percorsi più brevi. È stato calcolato che la media di tragitto risparmiato è di circa 17.5 km per ogni volo, con un risparmio di tempo di circa 1 minuto e 20 secondi. A livello di carburante si parla di risparmi che vanno dai circa 55 chili per un Airbus 300, fino ai circa 300 kg per un Airbus 380. E ancora si parla di notevoli benefici per l'ambiente grazie ai 3 kg di minore emissione di CO2 nell'atmosfera per ogni Kg in meno di carburante consumato da ogni aereo.

Nel suo insieme il programma permetterà un risparmio totale giornaliero di 61.250 km, che sono quelli percorsi dalle compagnie aeree che operano sui nostri cieli. Il risparmio economico previsto dall'avvio della Free Route è di 140mila euro al giorno.

 

I primi in Europa – L'inizio del programma mette l'Italia al primo posto fra i 5 maggiori service provider europei a implementare il Free Route previsto dalla regolamentazione europea del Single European Sky che ne definisce l'obbligatorietà a partire dal 1 gennaio 2022, per tutti gli stati europei. “Questo risultato è stato possibile grazie a due fattori chiave: lo sviluppo tecnologico e la qualità del nostro personale operativo. Siamo particolarmente orgogliosi di aver anticipato un progetto così importante a livello europeo e di offrire alle compagnie aeree che volano sui nostri cieli un servizio sempre più orientato alle loro necessità, mantenendo al massimo i livelli di sicurezza”, ha commentato Roberta Neri, amministratore delegato di Enav.

Con l'avvio di Free Route la società porta a termine la riorganizzazione dello spazio aereo, iniziata nel 2014 con lo scopo di raggiungere la massima efficienza del volo generando risparmi per le aziende e salvaguardia per l'ambiente.

Leggi tutto