Attacco hacker a Tesco Bank: furti sui conti di 20mila utenti

Tesco Bank vittima di un attacco informatico (Getty Images)
1' di lettura

L'istituto bancario britannico ha bloccato momentaneamente le transazioni online. Migliaia gli account bersaglio di movimenti anomali a causa di una falla nel sistema informatico. I vertici assicurano: saranno tutti risarciti

Tesco Bank si ferma per un attacco hacker. L'istituto britannico ha sospeso momentaneamente le operazioni online a causa di una breccia nel proprio sistema di sicurezza. Sarebbero 20mila gli account intaccati. La banca non si è sbilanciata sui numeri ma in un comunicato ha ammesso casi di “prelievi fraudolenti”. Non si tratta infatti di un furto di dati: alcuni clienti hanno segnalato movimenti anomali sui propri conti correnti, con la sottrazione di cifre anche superiori alle mille sterline. Tesco Bank ha assicurato che “saranno rimborsati eventuali ammanchi”.

 

Carte e operazioni bloccate – Sul sito di Tesco Bank, un istituto che conta più di 7 milioni di clienti, il Ceo Benny Higgins scrive ai clienti, confermando che “nel corso del weekend, alcuni conti correnti sono stati bersaglio di attività criminali”. Dopo le scuse e l'impegno a compiere “tutti i passi necessari per assicurare la sicurezza degli account”, Tesco afferma di aver “sospeso in via precauzionale” le transazioni online e di aver bloccato le carte associate ai conti sospetti. Resta invece possibile acquistare e prelevare offline per chi non ha un account incluso nella lista dei 20mila sotto indagine.

 

Le proteste dei clienti – I clienti lamentano un certo ritardo nella comunicazione. La lettera del Ceo che certifica la falla e assicura il rimborso integrale di quanto perso è stata pubblicata nella prima mattinata di lunedì. Ma i primi blocchi sono arrivati nel corso del fine settimana. Secondo quanto riportano diversi media britannici e in base alle proteste scritte sul forum della banca, i titolari dei conti correnti non avrebbero ricevuto, in un primo momento, risposte rapide e chiare. I call center dell'istituto avrebbero costretto a lunghe attese, per poi limitarsi alle scuse e a promettere rimborsi minimi (tra le 20 e le 25 sterline). L'entità della breccia informatica sarebbe stata definita solo nel pomeriggio di domenica, in contemporanea con il primo comunicato rivolto ai correntisti. Da allora, dovrebbero essere stati avvisati con un sms i clienti coinvolti, anche se Tesco Bank ha comunque invitato tutti a scorrere la lista dei movimenti e segnalare eventuali anomalie.  

Leggi tutto