Lavoro, Istat: disoccupazione sale all'11,7%. Ma crescono gli occupati

1' di lettura

I dati di settembre: tasso in aumento di 0,2 sul mese precedente ma si riduce al minimo storico il numero di inattivi. Bce: “Nell'area Euro ripresa moderata”

Il tasso di disoccupazione a settembre sale all'11,7%, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente. Ma contemporaneamente rispetto ad agosto sale anche l'occupazione (+0,2%, pari a 45 mila unità). Lo rileva l'Istat. Il valore della disoccupazione si riporta così ai livelli del febbraio scorso.





Tasso di inattività al minimo storico - "La maggiore partecipazione al mercato del lavoro nel mese di settembre, in termini sia di occupati sia di persone in cerca di lavoro, si associa alla diminuzione della stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,9%, pari a -127.000)". ll tasso di inattività scende così al 34,8%, il minimo storico (dal 1977). Questo calo spiega la contemporanea crescita sia degli occupati sia del tasso di disoccupazione.



 

Cala la disoccupazione tra i giovani - A settembre, inoltre, il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), è pari al 37,1%, in calo di 1,2 punti percentuali rispetto al mese precedente.





Bce: “Ripresa moderata” - Intanto, sempre nella giornata di giovedì 3 novembre, la Bce conferma "una ripresa moderata ma costante per l'economia dell'area dell'euro e un graduale incremento dell'inflazione". E' quanto si legge nel Bollettino economico della Banca centrale europea in cui si sottolinea che restano tuttavia "rischi al ribasso" ma anche che l'economia mostra "capacità di tenuta di fronte agli effetti avversi dell'incertezza economica e politica a livello mondiale, grazie anche alle misure di politica monetaria". Per il terzo trimestre è atteso un modesto recupero della crescita economica.

Leggi tutto