1' di lettura

Il ministro dell'Economia in audizione alla Camera ha spiegato che il Def 2017 conterrà un pacchetto di sviluppo da 3,8 miliardi

Dal governo arriva la conferma della stima di crescita del Pil all'1% nel 2017 indicato nel quadro programmatico della nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza. A ribadirlo è stato il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, nel corso dell'audizione di fronte alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. dove ha inoltre affermato che l'indebitamento netto sarà pari al 2%.  Le misure della manovra, ha spiegato Padoan, porterà a un  amento del pil dello 0,4% che aggiunto allo 0,6% di crescita nel  quadro tendenziale arriva all'incremento dell'1% stimato

 

Divario su diverse stime "non è significativo" - Il divario tra le valutazioni del governo e dell'Ufficio parlamentare di bilancio, authority addetta a verificare le previsioni macroeconomiche, "non è significativo" ha aggiunto il ministro. "Si tratta - ha spiegato Padoan - di uno scarto contenuto, che a noi sembra non significativo anche in termini statistici alla luce di diverse considerazioni". 

Sterilizzazione aumento Iva porta a un +0,3% - Il ministro dell'economia stima inoltre che la  sterilizzazione dell'aumento Iva previsto nel 2017 avrà un impatto sul Pil di 0,3 punti. "Su questa voce siamo stati prudenti, considerando il contesto macroeconomico nel quale ci troviamo dall'inizio della crisi - ha osservato Padoan - è ragionevole sostenere che la stima di tale effetto sia prudente anche alla luce delle esperienze del passato e della fondata ipotesi che le aspettative in qualche modo scontino la non attuazione dell'aumento Iva". 

 

Pacchetto sviluppo da 3,8 miliardi - La manovra 2017 conterrà un 'pacchetto sviluppo' da circa 3,8 miliardi ha spiegato Padoan, che ha aggiunto che sul Def, ci sono "maggiori investimenti in opere pubbliche e messa in sicurezza" delle scuole, ma anche rifinanziamento del Fondo di garanzia per le Pmi e della 'nuova Sabatini', oltre alla "proroga dell'intero pacchetto di incentivi fiscali", ecobonus, mobili e ristrutturazioni, "fortemente potenziato" per la sicurezza sismica. 

Con la prossima manovra, ha aggiunto il ministro, "arriverà un'ulteriore spending review e una revisione al ribasso di alcune voci di spesa e di fondi di dotazioni". Padoan ha precisato che queste misure avranno un impatto negativo sulla crescita dello 0,2%. Nella tabella depositata alla Camera durante l'audizione sull'aggiornamento del Def si legge che i "tagli di spesa" per il 2017 daranno coperture per 2,64 miliardi.

Leggi tutto