Mastercard, password addio? Ora si può pagare con un selfie

1' di lettura

Il nuovo sistema di sicurezza biometrico debutta in Europa (non in Italia) e potrebbe sostituire anche Pin e altri codici di sicurezza

Basterà scattare una foto per autorizzare un pagamento sulla propria MasterCard. Questo è l'obiettivo del nuovo sistema di sicurezza introdotto dal colosso delle carte di credito. Si chiama “MasterCard Identity Check” e potrebbe mandare in pensione password e Pin, sostituendo tutti le autorizzazioni per i pagamenti con dati biometrici, come selfie e impronte digitali. Dopo aver sperimentato il sistema in Olanda, Canada e Stati Uniti, il nuovo protocollo si prepara a debuttare in 12 paesi europei. Per tutti gli altri si dovrà aspettare il 2017.

 

Servirà un battito di ciglia - “MasterCard Identity Check” utilizzerà dunque dati biometrici che potranno essere raccolti attraverso una foto del soggetto, realizzando il cosiddetto “selfie pay”. Il possessore della tessera potrà essere identificato anche attraverso il suono della propria voce o il tocco dello schermo. Per usare il sistema di autenticazione biometrica di Mastercard è necessario scaricare un'app: la foto o le impronte verranno così inviate alla compagnia che potrà verificare l'identità di chi effettua il pagamento. Un ulteriore step di verifica richiederà al soggetto della foto di battere le palpebre, per evitare l'uso di vecchi scatti.

 

In Italia debutto rimandato - L'opzione è stata sviluppata anche grazie al lancio di Apple Pay, sistema di identificazione attraverso le impronte digitali, permesso dai nuovi modelli iPhone e Apple Watch. Questo tipo di autenticazione è permessa anche dai dispositivi Android grazie ad Android Pay e Samsung Pay. Dopo aver sperimentato il sistema in Stati Uniti e Canada nella prima parte del 2016, Mastercard ha rilasciato una versione operativa dell'Identity check.

Sarà possibile identificarsi attraverso l'app dedicata anche in Europa: il protocollo di sicurezza verrà attivato in Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Germania, Ungheria, Paesi Bassi, Norvegia, Spagna, Svezia e Regno Unito. L'azienda ha annunciato che la tecnologia sarà a disposizione di tutti gli altri utenti MasterCard nel mondo all'inizio del prossimo anno.

 

I rischi - Attualmente Mastercard non ha ben chiarito le misure di sicurezza adottate per proteggere i dati raccolti da eventuali attacchi hacker. “Ci stiamo attrezzando per l'archiviazione dei dati. Le impronte digitali verranno conservate in locale sui device. Al momento stiamo lavorando a una conversione dei dati di riconoscimento facciale per archiviarli sotto forma di dati criptati”, ha dichiarato l'azienda.

 

La sfida alle startup fintech - L'innovativo sistema di sicurezza è anche un modo per Mastercard per sfidare le startup fintech, ossia il mondo della "financial technology", dal quale stanno arrivando in materia numerose proposte innovative. Il sistema di identificazione biometrica, in particolare, mira a rendere più sicuri anche gli acquisti online, oltre a quelli fatti in negozio, evitando agli utenti di tenere a mente troppe password e di incorrere in frodi informatiche.

Leggi tutto