Snapchat inventa, Facebook copia. E lancia anche Marketplace

1' di lettura

Il social network di Mark Zuckerberg, che ha lanciato un nuovo spazio per acquisti e vendite, guarda ancora una volta all’app preferita dai giovani e, in Polonia, introduce la possibilità di creare sequenze di immagini, testi e icone

Fin da quando ha cercato invano di comprarsela Mark Zuckerberg non ha mai fatto mistero del suo interesse per Snapchat, l’app di messaggistica diventata molto popolare tra i più giovani. Nel corso del tempo Facebook e le applicazioni che ha via via acquistato hanno più volte tratto ispirazione dalla rivale, sperimentando funzionalità introdotte dall’azienda del fantasmino, dalla riservatezza dei messaggi a nuovi modi di presentare i contenuti.



Messenger Day - Il processo di assimilazione, a quanto pare, non è ancora finito. In Polonia, Messenger, l’applicazione di chat del social network più diffuso del globo, ha infatti introdotto Messenger Day, un’opzione che permette agli utenti di realizzare sequenze di immagini in tutto e per tutto simili alle Snapchat Stories, una delle caratteristiche più amate dagli utenti del social media emergente.



Dopo Instagram, Messenger - Di che cosa si tratta? Come nel caso delle Instagram Stories introdotte lo scorso agosto, gli utenti polacchi di Messnger possono ora realizzare delle “Storie”, possono cioè mettere insieme sotto un unico titolo sequenze di foto e video a cui è possibile aggiungere disegni, testi, emoji e filtri di colore. Immagini e video vengono esposti per 10 secondi mentre la storia nel suo complesso scompare 24 ore dopo la pubblicazione.

Lo schema, dunque, è in tutto e per tutto simile all’originale, che milioni di utenti hanno abbracciato come un modo nuovo, creativo e personale, per raccontare e condividere momenti salienti della propria vita (anche Hillary Clinton ne ha fatto uso durante la campagna elettorale per prendere in giro il suo rivale Donald Trump).



Marketplace: le differenze con Ebay – Resta ora da vedere se la sperimentazione portata avanti in Polonia verrà estesa anche ad altri Paesi. Nell’attesa, Facebook ha annunciato Marketplace, una funzionalità che dovrebbe aprire ancora di più gli spazi commerciali sul social network.

La funzionalità, disponibile per ora in quattro paesi (Usa, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda), è presente sull’applicazione per smartphone della società di Zuckerberg e permette agli utenti di acquistare e vendere beni in loro possesso. Almeno per ora, l’obiettivo di Marketplace sembra quello di facilitare l’incontro tra domanda e offerta. Il sistema, infatti, non consente di procedere direttamente con una transazione.

A differenza di quanto avviene su siti di e-commerce come eBay, modalità di pagamento e spedizione dei beni devono infatti essere negoziate separatamente dagli utenti al di fuori di Marketplace.

Leggi tutto