Istat, Italia fuori dalla deflazione. Aumentano gli occupati

1' di lettura

L’Istituto di statistica ha comunicato i dati di agosto: su base annua 162mila occupati in più. Poletti: +589mila con governo Renzi. In calo la disoccupazione giovanile

L’Italia esce dalla deflazione. Dopo sette  mesi consecutivi di diminuzioni su base annua, i prezzi al consumo  tornano a crescere. L’Istat ha diffuso dei dati positivi anche per quanto riguarda il mondo del lavoro.

 

A settembre 2016, ha rilevato l'Istat,  secondo le stime preliminari, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, registra una diminuzione dello 0,2% su base mensile e un aumento dello 0,1%  rispetto a settembre 2015 (era -0,1% ad agosto).

 

Prezzi in calo - I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona che riempiono il carrello della spesa degli italiani frenano a settembre. Calano dello 0,1% su base mensile e rimangono invariati rispetto all'anno precedente, secondo i dati provvisori dell'Istat, che ad agosto aveva rilevato rincari per questi prodotti dello 0,6%.

 

Aumentano gli occupati - Per quanto riguarda il mondo del lavoro, l’Istat comunica che gli occupati ad agosto sono in lieve incremento rispetto a luglio (+0,1%, pari a +13 mila unità), dopo il calo segnato il mese precedente (-0,3%). Dinamiche positive si rilevano per la componente femminile, le persone di 50 anni o più e i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato. Il tasso di occupazione è stabile al 57,3%. Su base annua l'aumento è dello 0,7%, pari a 162mila unità.

 

I movimenti mensili dell'occupazione  determinano complessivamente nel periodo giugno-agosto 2016 un aumento degli occupati (+0,3%, pari a +76 mila unità) rispetto al trimestre  precedente, con segnali di crescita per i lavoratori dipendenti, sia  permanenti sia a termine e che coinvolgono entrambi i generi.

     

Disoccupazione giovanile in calo - Il tasso di disoccupazione ad agosto è risultato pari all'11,4%, invariato rispetto al mese precedente, con 2,9 milioni di persone in cerca di lavoro. La percentuale di inattività è stabile al 35,2%. La disoccupazione giovanile è in calo. Il tasso dei senza lavoro tra i 15-24enni è pari al 38,8%, in calo di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente. 

 

Poletti: +589mila occupati con governo Renzi - I dati sul lavoro sono stati commentati anche dal ministro Giuliano Poletti: "Il mercato del lavoro registra, ad agosto, un leggero incremento determinato essenzialmente dalla crescita dei lavoratori dipendenti permanenti". Il ministro sottolinea che "dall'insediamento del governo Renzi, gli occupati sono +589mila: erano 22milioni e 179mila, oggi sono 22milioni e 768mila". Poletti evidenzia poi che "si conferma lo spostamento dell'occupazione verso il lavoro dipendente stabile": "rispetto ad agosto 2015, infatti, i dipendenti permanenti aumentano di 253mila unità".

Leggi tutto