Cgia Mestre: 61 miliardi sottratti dalla Gdf agli evasori nel 2015

1' di lettura

Oltre 32mila le posizioni irregolari scoperte lo scorso anno dalla Guardia di Finanza

Sessantuno miliardi di euro di imponibile sottratti dalla Guardia di Finanza agli evasori attraverso l'attività di controllo e di verifica fiscale, nel 2015. Lo sottolinea la Cgia di Mestre che ricorda come, sempre l'anno scorso, tra evasori totali, paratotali, lavoratori in nero e irregolari sono state scoperte oltre 32.000 posizioni irregolari. Complessivamente negli ultimi 15 anni l'attività della Guardia di Finanza contro gli evasori ha consentito di portare a "galla" quasi 506,5 miliardi di euro e di "scovare" oltre 509.000 evasori.

 

Non va comunque dimenticato che una cosa è l'imponibile accertato e un'altra cosa è la riscossione effettiva, ovvero quanto viene effettivamente incassato dal fisco dopo i vari livelli di giudizio. Secondo gli ultimi dati messi a disposizione dalla Corte dei Conti nella "Relazione sul rendiconto generale dello Stato 2015", negli ultimi anni l'incidenza della riscossione sull'accertato di competenza è in costante aumento: nel 2015 ha raggiunto il picco massimo del 14,8 per cento (in termini assoluti corrisponde ad un "incasso" di circa 9,8 miliardi di euro). 

Leggi tutto