Crowdfunding in Italia, crescono piattaforme e progetti. INFOGRAFICA

1' di lettura

Secondo l’ultimo report pubblicato dall’Università Cattolica, si afferma anche nel nostro paese il modello del micro-finanziamento collettivo. Fino a oggi sono stati lanciate iniziative per 56,8 milioni di euro con un tasso di successo del 30%. Tutti i DATI

 

Sempre più piattaforme per il finanziamento collettivo online sono made in Italy: a oggi sono 82, di cui 69 già attive e 13 in fase di lancio. Cresce il numero e l’ammontare complessivo dei progetti realizzati, arrivando a quota 56,8 milioni di euro (+85% rispetto a maggio 2014). E aumenta anche il numero di utenti coinvolti da questo nuovo modello economico: fino a ora ci sono stati 857.331 donatori, a cui non piace spendere grosse somme (tra i 5 e i 10 euro è la quota più frequente). Di piccole dimensioni è anche la tipologia di progetto che più facilmente riesce ad arrivare fino alla fine della raccolta fondi (tra i 1000 e i 10000). In tutto ciò, la competizione si fa sempre più dura: solo il 30% delle iniziative è di successo (a maggio 2014, invece, la quota era più alta: 37%).

 

Sono questi alcuni dei dati presenti nell’ultimo report realizzato da Ivana Pais, Docente di Sociologia Economica all’Università Cattolica di Milano, e presentato nei giorni scorsi in occasione di Sharityaly, forum dell’economia collaborativa che si è tenuto a Milano dal 9 al 10 Novembre. Dati riassunto nell'infografica raggiungibile a questo link

 

Guarda l’INFOGRAFICA con i principali dati.

 

Data ultima modifica 11 novembre 2015 ore 19:30

Leggi tutto