La presidente della Fed, Janet Yellen, su un monitor a Wall Street
1' di lettura

La Federal Reserve non cambia il costo del denaro, fermo tra lo 0 e lo 0,25% ma avverte: possibile rialzo il prossimo mese se l'inflazione si muoverà verso il 2%. Il dollaro si apprezza sulle altre valute

La Federal Reserve lascia i tassi invariati ma lascia aperta la possibilità di un rialzo quando arriveranno i segnali giusti da occupazione e inflazione. Una decisione che, avverte, potrebbe arrivare già nella riunione di dicembre. I tassi sui Fed Funds restano quindi fermi tra lo 0 e lo 0,25%. Un possibile aumento dei tassi, viene spiegato nel comunicato del Comitato di politica monetaria della Fed, potrà arrivare quanto si sarà visto un ulteriore miglioramento del mercato del lavoro e quando il comitato sarà "ragionevolmente fiducioso" che l'inflazione si muoverà verso l'obiettivo del 2%

Fed: "Economia Usa cresce in modo moderato" - "L'aumento dei posti di lavoro negli Usa - si legge nel comunicato - ha rallentato, il tasso di disoccupazione è stabile. Ciononostante - si avverte - gli indicatori mostrano che il sottoutilizzo di risorse del lavoro è diminuito dall'inizio dell'anno. L'attività economica si sta espandendo a ritmo moderato, la spesa delle famiglie è solida, gli investimenti fissi delle imprese sono in crescita a tassi sostenuti, il settore immobiliare è ulteriormente migliorato. I rischi per l'attività economica e il mercato del lavoro sono quasi bilanciati ma la Fed, conclude la nota, "sta monitorando gli sviluppi economici e finanziari globali". Rispetto al comunicato di un mese fa è scomparso il riferimento ai rischi globali per l'economia americana. Un'omissione che segna un alleggerimento nei toni da parte della Fed.

Le reazioni sui mercati
- Immediate le reazioni dei mercati, che hanno visto il dollari apprezzarsi sulle altre monete, Euro in testa, mentre Wall Street ha visto rallentare i suoi indici, in vista di un possibile aumento del costo del denaro americano.

Data ultima modifica 28 ottobre 2015 ore 19:54

Leggi tutto