Ebay, il sito delle aste online compie 20 anni

1' di lettura

Il servizio venne lanciato da Pierre Omidyar il 3 settembre del 1995. Tre anni dopo sbarcava a Wall Street. Negli anni è diventato il luogo simbolo dell'e-commerce, ma oggi soffre la concorrenza di competitor come Amazon

Ebay, il sito simbolo del commercio online compie 20 anni. Il 3 settembre del 1995 infatti il programmatore franco iraniano (ma cresciuto negli Stati Uniti ) Pierre Omidyar lancia sul suo sito, un sistema di aste online, chiamato Auctionweb. Il primo oggetto venduto, per quindici dollari, è un puntatore laser rotto. Un oggetto talmente particolare che, Omidyar si senti in obbligo di telefonare all'acquirente per accertarsi che avesse capito che il puntatore fosse rotto. "Li colleziono" fu la risposta. Da lì in poi la crescita fu esponenziale. Già meno di due anni dopo gli scambi online superano il milione, il nome diventa Ebay e arrivano i primi investitori. A soli tre anni di distanza, nel 1998, c'è lo sbarco in Borsa che trasforma Omidyar in uno dei primi miliardari della new economy. Nel 2002 viene acquisito il sistema di pagamento online Paypal, mentre nel 2005 viene acquistato Skype.

Un futuro da inventare - Oggi Ebay può contare su  157 milioni di acquirenti attivi, di cui 4,5 milioni solo in Italia, oltre 800 milioni di inserzioni da circa 200 paesi, 25 milioni di venditori (di cui 26mila in Italia). Ogni due secondi negli Stati Uniti un paio di scarpe passa di mano su Ebay, mentre in Italia viene venduta una borsa ogni 7 minuti. Eppure, nonostante questi numeri, il sito di e-commerce ha mostrato negli ultimi anni segni di stanchezza. Da un lato è alla ricerca di un proprio profilo aziendale: il sistema delle aste ha via via lasciato il posto alle vendite dirette, a prezzi fissi (ormai l'80% di tutte le transazioni). Un campo, però, dove il sito creato da Omidyar soffre la concorrenza di competitor diretti come Amazon o Alibaba. Skype è stato ceduta a Microsoft nel 2008, mentre è di quest'anno il divorzio, non voluto, con Paypal. Una separazione che rende il futuro di Ebay più faticoso, anche alla luce dell'arrivo di nuovi concorrenti, come Google e Facebook, nel mondo del commercio online.

Leggi tutto