Grecia, Tsipras annuncia le dimissioni. Elezioni a settembre

1' di lettura

Il premier greco comunica il passo indietro in diretta tv: "Ho la coscienza a posto, in questi mesi ho combattuto per il mio popolo". Sul futuro: "Vogliamo un mandato forte, un governo stabile". "Con i creditori internazionali – rivendica – abbiamo ottenuto il miglior accordo possibile"

Alexis Tsipras si dimette: cerca un nuovo "forte mandato" del "popolo sovrano" per continuare l'opera riformatrice, della quale rivendica i meriti, e per fare uscire la nazione dall'austerità. Il premier greco ha dato l'annuncio delle sue dimissioni nel corso di un discorso in diretta tv, aprendo dunque la strada a nuove elezioni. Fonti di governo citate dalla stampa greca parlano del 20 settembre come data più che probabile. Una decisione che sembra sostenuta dalle prime reazioni dalla Ue, che auspica un governo forte che porti avanti il programma di riforme.

 

Quinto voto nel giro di poco più di un anno - La Grecia va dunque al quinto voto politico nel giro di poco più di un anno, nel giorno in cui arrivano i primi 13 miliardi dall'Esm e all'indomani del voto cruciale del Parlamento tedesco che dà il via libera definitivo al mega-prestito da 86 miliardi di euro in cambio di nuove, stringenti misure di austerità. Una mossa, questa del voto anticipato, che serve a Tsipras a non dare tempo alle opposizioni - che non rappresentano al momento un avversario temibile - di organizzarsi, ma soprattutto a evitare che il blocco di Piattaforma di Sinistra interno a Syriza, che ha votato contro gli accordi con i creditori, abbia tempo di separarsi dal partito, consolidarsi e rappresentare una minaccia alle urne. Il premier conta infatti sulla sua perdurante popolarità: negli ultimi sondaggi oltre il 60% dei greci ne approva l'operato, nonostante la mancata promessa sulla fine dell'austerità. E le misure votate dal Parlamento, notano gli osservatori, non hanno ancora iniziato a farsi sentire sulla già provata società greca.

 

“Il mio mandato ha fatto il suo corso” - "Il mandato che ho ricevuto il 25 gennaio ha fatto il corso. Ora il popolo sovrano deve decidere, voi dovete decidere se siamo riusciti a portare il Paese su una strada positiva, voi dovete decidere se siamo in grado di portare il Paese all'uscita dal memorandum, se abbiamo avuto coraggio" nel negoziato, ha affermato il premier, sottolineando che forse - con l'arrivo dei primi finanziamenti internazionali - "potremmo esser entrati nella fase finale di questa difficile situazione". "Voi ci giudicherete - ha proseguito - così come giudicherete quelli che hanno proposto il ritorno alla dracma o che hanno continuato a servire il vecchio sistema". Ma io "ho la coscienza a posto, in questi mesi ho combattuto per il mio popolo".

 

“Vogliamo un forte mandato” - Parlando proprio della difficile intesa raggiunta a luglio con i creditori, il primo ministro ha spiegato ai suoi connazionali che il nuovo piano di aiuti "non è quello che volevamo ma era il migliore che potessimo ottenere date le circostanze", ed ha citato le 'vittorie' ottenute del tavolo negoziale, tra cui il surplus primario allo 0.25% invece che al 3 inizialmente voluto dalla troika, e "i licenziamenti dei dipendenti pubblici, diventati una cosa del passato". "Siamo obbligati a rispettare l'accordo ma senza che siano colpite le classi meno abbienti", ha enfatizzato. Tsipras, in quello che è di fatto il suo primo discorso della nuova campagna elettorale, si è quindi rivolto ai greci: "Vogliamo un forte mandato, un governo stabile e la solidarietà con la società che vuole le riforme in senso progressista".

 

Cosa accade adesso - La parola ora passa al presidente della repubblica Prokopis Pavlopoulos. La prassi prevede che il capo dello Stato affidi brevi mandati esplorativi al partito arrivato secondo alle elezioni (Nuova Democrazia) e quindi al terzo (i neonazisti di Alba Dorata) per vedere se è possibile formare un altro governo. Ma ci si aspetta che entrambi rinuncino. La guida ad interim dell'esecutivo che porterà il Paese al voto verrà assunta dal presidente della Corte suprema, signora Vassiliki Thanou.

 

Le reazioni in Europa - Intanto l'Europa sembra reagire con favore all'annuncio, pur non entrando nel merito. "Rapide elezioni in Grecia possono essere un modo per ampliare il consenso per il programma Esm di sostegno alla stabilità appena firmato dal premier Tsipras a nome della Grecia", ha commentato su Twitter Martin Selmayr, il capo gabinetto del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker. E per la portavoce dell'esecutivo Ue Annika Breidthardt "un ampio sostegno per il memorandum d'intesa" sul terzo piano di aiuti "e il rispetto degli impegni saranno la chiave per il successo".

Leggi tutto