1' di lettura

L'azienda di Tlc ha annunciato il taglio di posti di lavoro in maniera particolare sulle aree di staff, director assistance, cross activity e parte di IT. Ha inoltre accantonato il progetto per l'assunzione di 4 mila giovani in attesa della definizione di una normativa che sostenga il ricambio generazionale nelle aziende con elevata età media

Telecom Italia ha annunciato a sindacati e Mise un piano fino a 1.700 esuberi da individuare, in maniera particolare, sulle aree di staff, director assistance, cross activity e parte di IT. E' quanto emerge da un incontro al ministero dello Sviluppo con azienda e sindacati. 

 

Accantonato progetto assunzione 4 mila giovani - Il gruppo che opera nel settore della telefonia avanzata conferma inoltre di aver accantonato il progetto di assumere 4.000 giovani in attesa della definizione di una normativa che sostenga il ricambio generazionale nelle aziende con elevata età media. E' quanto si legge in un comunicato della società di Tlc a seguito dell'incontro con le organizzazioni sindacali. 

 

Telecom: 52.882 in Italia - Nel comunicato l'azienda dice di avere informato le organizzazioni sindacali, nel corso dell'incontro svoltosi oggi presso il ministero dello Sviluppo Economico, della necessità di avviare un confronto sul sovradimensionamento degli organici del gruppo e sulla sostenibilità del costo del lavoro in alcune funzioni aziendali. La società conferma la volontà di proseguire il confronto con le organizzazioni sindacali per trovare le necessarie soluzioni che coniughino la salvaguardia dell'occupazione con l'efficienza e la sostenibilità del costo del lavoro. Le parti hanno convenuto di proseguire il confronto nei prossimi giorni presso il Ministero.

Telecom, che conta a livello mondiale circa 66.000 dipendenti di cui 52.882 in Italia, riunisce il 6 agosto il consiglio di amministrazione per l'approvazione dei conti semestrali.

Leggi tutto