Confcommercio, crescono i consumi: ad aprile +0,5%

1' di lettura

Economia in crescita, secondo i dati diffusi dalla Confederazione. L'incremento tendenziale è dello 0,8% (+0,4% a marzo). Mattarella: "Segnali incoraggianti, moltiplicare gli sforzi". Solo tra 15 anni, però, si tornerà al Pil a livelli pre-crisi

L'assemblea annuale di Confcommercio, che quest'anno si svolge nel 70esimo anniversario della sua fondazione, è l'occasione per fare un quadro dello stato di salute dell'economia italiana. Solo tra 15 anni si tornerà al Pil pro capite del 2007, intanto però migliorano i consumi. Ad aprile infatti si registra un +0,5%, la crescita migliore da due anni. Dati, questi, che avvalorano l'ipotesi di una crescita "superiore all'1% già nel 2015". 

Mattarella: si apre stagione ripresa economica - Si tratta di "segnali incoraggianti - dice il capo dello Stato Sergio Mattarella nel messaggio inviato all'assemblea generale - e di straordinaria valenza dopo i lunghi anni segnati dalla crisi e che inducono a moltiplicare gli sforzi per approfondire il percorso delle riforme indispensabili per ammodernare l'Italia, incrementare la produttività, aumentare l'occupazione soprattutto giovanile, ridurre il preoccupante divario dal centro-nord e il sud del Paese".

Confcommercio: accelera ripresa consumi, oltre +1% in 2015 -
L'indicatore dei consumi Confcommercio (Icc) ha registrato ad aprile 2015 una crescita dello 0,5% rispetto al mese precedente e dello 0,8% rispetto a un anno prima; in termini di media mobile a tre mesi, l'indicatore "consolida la tendenza al progressivo miglioramento in atto dall'estate del 2014". La crescita tra marzo e aprile deriva da un aumento della domanda sia di servizi (+0,6%) sia di beni (+0,4%) e si tratta dell'incremento maggiore negli ultimi due anni. A livello tendenziale, la crescita dello 0,8% in aprile è più accentuata rispetto a quella registrata a marzo (+0,4%) e sintetizza un incremento dello 0,9% nella domanda di beni e dello 0,7% sui servizi. Sul tema prezzi, infine, la stima fornita da Confcommercio è una variazione dello 0,1% nel mese di giugno.

Confcommercio, 15 anni per Pil pro capite 2007 - All'ottimismo che accompagna questa "stagione di ripresa economica", come la definisce il presidente della Repubblica, occorre aggiungere prudenza.
Agli attuali tassi di crescita di Pil, consumi e reddito disponibile, solo tra 15 anni, nel 2030, si tornerà al Pil pro capite del 2007. La spesa delle famiglie pre-crisi si rivedrà nel 2030 mentre il reddito disponibile solo nel 2034. Per ridurre il recupero a 6-8 anni, servirebbe un tasso di crescita doppio. Tra il 2007 e il 2014, ricorda Confcommercio, gli italiani hanno patito una riduzione in termini reali del 12,5% del Pil, del 14,1% per il reddito disponibile e dell'11,3% per i consumi.

Leggi tutto