Draghi: Grecia deve fare di più e più in fretta

1' di lettura

Il presidente della Bce nel discorso al consiglio del Fondo Monetario Internazionale: "Se crisi peggiora saremo in acque inesplorate". Ma assicura: "Ci sono prove chiare che le nostre misure sono efficaci". Padoan: "Da Atene nessun impatto per l'Italia"

La ripresa nell’area euro “si sta rafforzando” e il “quantitative easing”, l'acquisto di titoli da parte della Bce, proseguirà fino "a settembre del 2016 e comunque fino a che il consiglio non vedrà un concreto aggiustamento dell'inflazione il linea con il nostro obiettivo di un tasso intorno al 2%". Cosi Mario Draghi nel discorso depositato all'Ifmc in corso a Washington (il consiglio del Fondo Monetario Internazionale), in cui sottolinea che "la situazione economica nelle prospettive di breve termine nell'area euro sono attualmente più brillanti di quanto non fossero da tanti anni".

Draghi: "Le nostre misure sono efficaci" - Per Draghi "la ripresa in corso, cominciata, quasi due anni fa, sta ora prendendo piede più stabilmente".  "Ci sono prove chiare che le nostre misure sono efficaci", afferma il presidente della Bce riferendosi al quantitative easing e alle misure prese dalla Bce. Draghi parla di un "miglioramento considerevole delle condizioni finanziarie e dei prestiti per imprese e famiglie, con un aumento della domanda di credito".



Grecia, Draghi: "Con una crisi ci troveremmo in acque inesplorate" - Parlando poi in conferenza stampa della Grecia Draghi esorta Atene ad agire. "C'è molto lavoro da fare, è urgente. Tutti vogliamo il successo della Grecia, e questo successo è nelle mani del governo greco". E sottolinea: "Anche se l'area euro è meglio equipaggiata rispetto a prima, in caso di un'eventuale crisi si troverebbe in "acque inesplorate".
Gli fa eco il ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schauble: "Il governo greco deve decidere cosa vuole". Deve presentare - mette in evidenza il ministro dell'economia, Pier Carlo Padoan - un piano credibile ed efficace. "L'interesse della Grecia è rimettere l'economia su un sentiero di crescita. Ognuno deve fare le sue parte" aggiunge Padoan, tranquillizzando su un potenziale impatto della crisi greca sull'Italia. E aggiunge: "Il governo greco faccia proposte concrete" (VIDEO).

Varoufakis: "Il futuro? Brillante e radioso" - Il ministro dell'economia greco Yanis Varoufakis, dal canto suo, ostenta sicurezza e si lascia andare a battute ironiche. "Il futuro della Grecia? Brillante, prospero e radioso" risponde sorridendo. A chi gli chiede cinque minuti del suo tempo dice: "Cinque minuti di questi tempi sono un tesoro per ripagare parte del debito della Grecia". Fiducioso e ottimista, Varoufakis sembra voler spazzare via le voci di fondi da Russia o Cina per superare la crisi: "La Grecia è un tema europeo e deve essere risolto, come ogni crisi di famiglia, nella famiglia europea".

Leggi tutto