Padoan: “Spread? Mercati riconoscono politiche del governo”

1' di lettura

Il ministro dell’Economia, a Venezia per un convegno, commenta il calo del differenziale tra Btp e Bund, ai minimi dal 2010, e invita l’esecutivo “a intensificare e accelerare”. Sulla local tax: “Prima cerchiamo di introdurla, poi la fissiamo”

Lo spread sotto i 90 punti significa che “i mercati riconoscono la validità delle politiche del governo, che ora bisogna intensificare ed accelerare”. Così il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan a Venezia, a margine dei lavori a porte chiuse di un convegno dell'Aspen Institute, commenta il calo del differenziale tra titoli di Stato italiani e Bund tedeschi che nella giornata di ieri è sceso fino sotto i 90 punti per poi chiudere a 92 punti, toccando il minimo dal 2010. Parlando poi del lavoro del governo per introdurre una tassa unica che sostituisca le varie imposte locali, Padoan ha detto che "innanzitutto cerchiamo di introdurre la Local Tax, poi vedremo di fissarla perché sia conveniente per tutti".

Il ministro Padoan è a Venezia per partecipare a una conferenza a porte chiuse organizzata dall'Aspen Institute dal titolo "Assessing Risk: Business in Global Disorder". Presente anche il ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis e anche l'ex componente del board della Bce Lorenzo Bini Smaghi.

Spread ai minimi dal 2010

Leggi tutto