Lavoro, 93mila occupati in più in un mese. I dati Istat

1' di lettura

Il tasso di disoccupazione a dicembre risulta in forte calo, scendendo al 12,9%, in diminuzione di 0,4 punti percentuali su novembre. Il numero dei non occupati tra i 15 e i 24 anni segna una decisa riduzione, calando al 42%. Renzi: "E' solo l'inizio"

Oltre 90mila posti di lavoro in più in un mese e una decisa riduzione degli inoccupati nella fascia 15-24 anni (scendono al 42%, il valore più basso da un anno). Sono dati confortanti quelli rilevati dall'Istat e relativi al mese di dicembre. "Siamo solo all'inizio. Riporteremo l'Italia a crescere" commenta su Twitter il presidente del Consiglio Matteo Renzi.


93mila posti di lavoro in più in un mese - Dopo mesi di segno meno, rialza la testa il mercato del lavoro. Secondo le stime dell'Istituto di Statistica, a dicembre 2014 gli occupati sono 22 milioni 422 mila: l'occupazione a dicembre aumenta dello 0,4% (+93 mila), tornando su valori prossimi a quelli di settembre. Su base annua la crescita è dello 0,5% (+109 mila). Il tasso di occupazione, pari al 55,7%, aumenta di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,3 punti rispetto a dodici mesi prima.

Tasso di disoccupazione al 12,9% - Il numero di disoccupati, invece, a dicembre scende a 3 milioni 322 mila, registrando un calo del 3,2% rispetto al mese precedente, ovvero di 109 mila unità. Si tratta del calo più forte dall'inizio del 2011. Guardando le stime dell'Istituto di statistica (quì i dati mensili 2004-2014), però, emerge come il tasso di disoccupazione sia comunque ancora in rialzo rispetto all'anno precedente (+0,3%). Analizzando i dati per genere, il tasso di disoccupazione maschile, pari al 12%, diminuisce di 0,4 punti percentuali in termini congiunturali mentre cresce di 0,1 punti in termini tendenziali; quello femminile, pari al 14,1%, invece cala di 0,4 punti sul mese precedente mentre aumenta di 0,5 punti su base annua.

I minimi da un anno la disoccupazione giovanile - Ribasso da record anche per quella giovanile, che passa da 43% a 42%. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati o disoccupati), è pari al 42,0%, in calo di 1,0 punti percentuali rispetto al mese precedente e in aumento di 0,1 punti nei dodici mesi. Dal calcolo del tasso di disoccupazione sono pertanto esclusi i giovani inattivi, cioè coloro che non sono occupati e non cercano lavoro, ad esempio perché impegnati negli studi.

Cresce il numero degli inattivi - Il numero di giovani inattivi è pari a 4 milioni 382 mila, in aumento dello 0,9% nel confronto congiunturale (+37 mila) e dello 0,4% su base annua (+17 mila). Il tasso di inattività dei giovani tra 15 e 24 anni, pari al 73,5%, cresce di 0,7 punti percentuali nell'ultimo mese e di 0,8 punti nei dodici mesi.

Leggi tutto