Meridiana, firmato l’accordo per l'uscita volontaria

1' di lettura

L’intesa raggiunta deve essere sottoscritta dalle rappresentanze sindacali aziendali entro il 27 dicembre. Chi accetta la mobilità avrà un incentivo di 15mila euro. Tra esodi volontari e pensionamenti entro la fine dell’anno lascerebbero 400 persone

"E’ stato siglato nella notte tra organizzazioni sindacali e Meridiana un verbale di accordo che consente al personale di accettare l'uscita volontaria entro il 31 dicembre con la rinuncia al preavviso ed un incentivo di 15mila euro". Lo riferisce la Filt Cgil. Per essere valida l’intesa dovrà essere sottoscritta dalle rappresentanze sindacali aziendali (Rsa) entro il 27 dicembre.

Cosa prevede l'accordo - L'accordo, firmato presso il Ministero del Lavoro, "è stato raggiunto anche per permettere di usufruire delle regole della mobilità 'pre legge Fornero' che decorrono dal 1 gennaio 2015", precisa la Filt, secondo cui "quanto realizzato non risolve la situazione di Meridiana ma chiude questa procedura di mobilità che era prevista per 1634 persone".
"E' evidente - sottolinea il sindacato - che, ferme restando le differenti valutazioni sulle prospettive della società, diventa fondamentale affrontare la crisi di Meridiana come un tema industriale e di futuro e non di sola dimensione degli esuberi. A questo fine è importante che i prossimi passaggi vedano coinvolti anche il Ministero dello Sviluppo Economico".

400 dipendenti lascerebbero volontariamente - Secondo fonti sindacali entro la fine dell'anno tra esodi volontari e pensionamenti, 400 dipendenti lascerebbero Meridiana. In tal modo la platea di 1634 esuberi si ridurrebbe a poco più di 1.200 unità. Per costoro, a gennaio, si dovrà aprire una nuova procedura di mobilità con relativo negoziato tra le parti.

Leggi tutto