Istat: 130mila nuovi occupati, ma sale la disoccupazione

1' di lettura

Dati in chiaroscuro: cresce il numero di chi ha un lavoro, grazie al calo degli inattivi. Il tasso dei disoccupati aumenta però al 12,6% e torna al livello di luglio. Tra i giovani al 42,9%. Inflazione, risalgono i prezzi a ottobre

Il tasso di disoccupazione nel mese di settembre sale al 12,6% dal 12,5% di agosto. A comunicarlo è l’Istat, che spiega come il tasso torna al livello di luglio, il più alto sia dall'inizio delle serie storiche mensili (2004) che dall'inizio di quelle trimestrali (primo trimestre 1977) (qui i dati completi).



Crescono gli occupati - Ma l'Istituto sottolinea che a settembre crescono anche gli occupati, in seguito al calo degli inattivi. A settembre il tasso di occupazione è pari al 55,9% (il più alto dal febbraio 2013), in aumento di 0,2 punti in termini congiunturali e di 0,5 su base annua. Gli occupati, in particolare - 22,457 milioni - sono in aumento dello 0,4% rispetto ad agosto e dello 0,6% su base annua (+130.000), con una crescita sia tra le donne che tra gli uomini.


Diminuiscono gli inattivi - Dati che si spiegano con la dimuizione degli inattivi tra i 15 e i 64 anni: diminuiscono dello 0,9% rispetto al mese precedente e del 2,1% rispetto a dodici mesi prima. Il tasso di inattività, pari al 35,9%, cala di 0,3 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,7 punti su base annua.

La disoccupazione giovanile -
Quanto alla disoccupazione nella fascia di età 15-24 anni, ovvero l'incidenza dei giovani disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca di lavoro, si attesta al 42,9% rispetto al 43,7% di agosto, ma in aumento di 1,9 punti su base tendenziale. I disoccupati tra i 15-24enni sono 698 mila.



Poletti: "Sui nuovi occupati segno di speranza" - Il presidente del Consiglio ha sottolineato l'aumento degli occupati in un tweet, mentre il ministro Poletti ha detto: a settembre "abbiamo 82 mila posti di lavoro in più ed è il miglior dato da inizio 2013, credo che questo possa far ben sperare", prima di evidenziare che l'incremento del tasso di disoccupazione è dovuto al fatto che "sono aumentate significativamente le persone che hanno cominciato a cercare un lavoro". Il dato di oggi "è un bel risultato perché è un segno di speranza", aggiunge Poletti.



Inflazione a ottobre a + 0,1% - L'Istituto di statistica comunica anche i dati sull'inflazione: ad ottobre i prezzi al consumo sono saliti dello 0,1% sia rispetto a settembre sia rispetto ad ottobre 2013. L'Istat ricorda che a settembre il tasso tendenziale era -0,2%. L'inflazione acquisita per il 2014 sale così allo 0,3% dallo 0,2% di settembre.

Leggi tutto