Draghi: ripresa più debole delle attese

1' di lettura

Il governatore della Bce lancia l'allarme ma assicura: "La politica monetaria continuerà a sostenere la crescita". Visco: attenti a rischio bolle. Padoan, a Washington per la riunione annuale del Fmi, esprime cautela sul Tfr

La ripresa globale è più debole del previsto, più di quanto si poteva immaginare sei mesi fa. E' l'allarme lanciato da Mario Draghi che da Washington, dove partecipa ai lavori del Fondo monetario internazionale, rivolge l'ennesimo appello ai Paesi dell'Eurozona, soprattutto quelli dove la crescita non c'è: bisogna andare avanti con le riforme strutturali.

Il richiamo di Draghi - "Queste sono fondamentali per l'Europa, perché in altre parti le hanno fatte e da noi ancora no", è il rimprovero del presidente della Bce. Che sottolinea come dopo l'austerity degli ultimi anni "gli sforzi sul fronte del consolidamento dei bilanci nel futuro, nei mesi che verranno, potranno essere più tenui". A patto di non vanificare i risultati raggiunti. Anche se dare un giudizio sulle leggi di bilancio che i Paesi europei stanno per approvare e inviare a Bruxelles "è ancora prematuro".

La Bce può fare ancora - Draghi, che al Fmi ha incontrato la presidente della Fed Janet Yellen e tutti gli altri governatori del G20, comunque assicura: "C'è accordo sul fatto che la politica monetaria debba continuare a sostenere la ripresa in corso". E la Bce "è pronta a ulteriori azioni se necessario, è pronta ad agire nell'ambito del suo mandato", dopo le misure 'non convenzionali' prese nell'ultimo anno e che andranno avanti - ribadisce  - per almeno due anni.

Visco: attenti a rischio bolle - Dunque, innanzitutto, tassi di interesse vicini allo zero. Anche con tutti i rischi che può comportare e su cui bisogna vigilare, come ricorda il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco. "Tassi così bassi per un periodo prolungato - mette in guardia - portano alla ricerca di rendimenti più alti, in parte anche rischiosi. E non sono una soluzione permanente". Insomma, il pericolo di bolle può essere sempre dietro l'angolo. Per questo - sottolinea Visco - servono "strumenti per affrontare i rischi di bolle", che vanno affrontati "con interventi specifici da un punto di vista macroprudenziale". Detto cio', afferma ancora il governatore di Bankitalia, "i tassi resteranno così bassi ancora per molto tempo".

Nessuna fuga di capitali dall'Italia - Nel corso della conferenza stampa congiunta con il ministro dell'economia Pier Carlo Padoan - a margine dei lavori del Fmi - Visco ha fatto un riferimento al Jobs Act, che definisce un "intervento complessivo e ampio per far sì che si crei un ambiente per fare impresa".

Padoan: cautela sul Tfr - E da Washington, il ministro dell'Economia italiana è tornato sul nodo Tfr. Non è stata una netta frenata, ma quella di Pier Carlo Padoan sul conferimento del Tfr in busta paga sembra restare una posizione cauta. Sicuramente più cauta di quella di Matteo Renzi che continua invece a spingere perché questa, come anche l'ipotesi di una tassa unica comunale, diventino realtà con la legge di Stabilità.
La questione è effettivamente allo studio, riconosce il ministro dell'Economia, le ipotesi sono diverse "ma non è ancora stato definito il quadro generale". Il meccanismo è "molto delicato e qualunque cosa si faccia avrebbe delle conseguenze da valutare bene", spiega.

Leggi tutto