Istat: nuovo calo del Pil. Padoan: "Quadro deteriorato"

1' di lettura

"L'inflazione resta vicina allo zero" si legge nella nota mensile dell'Istituto di statistica. La disoccupazione giovanile vola oltre il 44%. Il ministro dell'Economia: Italia rinvia pareggio di bilancio strutturale al 2017

Italia stretta ancora tra recessione (ci sarà un nuovo calo del Pil nel III trimestre) e disoccupazione giovanile record (oltre il 44%). Gli ultimi dati dell'Istat ritraggono così il Paese. Mentre il Cnel traccia uno scenario che oggi "sembra irrealizzabile": per tornare ai livelli occupazionali pre-crisi, bisognerebbe creare "da qui al 2020 quasi 2 milioni di posti di lavoro". E non sono più incoraggianti le parole pronunciate dal ministro dell'Economia Piercarlo Padoan al termine del Cdm: il quadro macroeconomico, avverte, "è molto deteriorato rispetto al Def di aprile sia in termini di crescita, che è negativa, che in termini di occupazione" (VIDEO).


Italia rinvia pareggio di bilancio strutturale al 2017 - Il governo rivede infatti la previsione sulla dinamica del Pil a -0,3% dal +0,8% di aprile. Nel 2015, dice Padoan in conferenza stampa a Palazzo Chigi, l'economia italiana dovrebbe tornare a crescere di 0,6 punti a fronte della precedente previsione di +1,3%. Il Paese dovrebbe chiudere il 2014 con un indebitamento netto al 3% del Pil e al 2,9% nel 2015. Il debito salirà al 133,4% il prossimo anno. L'aggiustamento strutturale dei conti, a causa del deteriorarsi della situazione economica, avverrà dunque in misura più lenta: "A partire dal 2016 riprende il ritmo dell'aggiustamento dello 0,5% per arrivare al pareggio nel 2017".

Pil negativo nel III trimestre - Insomma, l'uscita dalla recessione sembra per l'Italia ancora lontana: l'Istat, nella nota mensile sull'economia del paese, certifica che nel terzo trimestre ci sarà una "nuova flessione" del Pil. Ciò è dovuto non soltanto alle difficoltà della nostra industria ma anche alla fragilità della domanda interna, e dai consumi deboli. E con i consumi "compressi dalle difficili condizioni del mercato del lavoro", la locomotiva-paese non riparte. Insomma, spiega l'Istat, "l'attuale fase di debolezza del ciclo economico è attesa proseguire anche nel terzo trimestre".

Scarsità posti di lavoro caratteristica strutturale -  In particolare sul mercato del lavoro, "il tasso di posti vacanti permane su livelli molto bassi, a sottolineare la prolungata scarsità di posti di lavoro disponibili che sembra divenire una caratteristica strutturale". Al punto che sempre l'Istat conferma il dramma della disoccupazione giovanile: tra i 15 e i 24 anni il 44,2% non ha un impiego e si tratta di una percentuale cresciuta tra luglio e agosto di un punto. INFOGRAFICA

Anche se decisamente migliore appare la situazione dell'occupazione in linea generale, perché - sempre a quanto comunica l'Istat - gli occupati in Italia ad agosto scorso sono 22 milioni 380 mila, in aumento dello 0,1% rispetto al mese precedente (+32 mila) e sostanzialmente invariati su base annua. Il tasso di occupazione, pari al 55,7%, cresce di 0,1 punti percentuali sia in termini congiunturali sia rispetto a dodici mesi prima.

Leggi tutto