Alitalia-Etihad, vertice a Palazzo Chigi. Lupi: "Tutto bene"

1' di lettura

Per la presidenza del Consiglio l'incontro, seguito alla lettera in cui il numero uno di Etihad Hogan chiedeva certezze sui conti, è stato "proficuo". Presenti al tavolo anche Delrio, i vertici della compagnia e rappresentanti di Poste e Unicredit

Si è tenuto a Palazzo Chigi un vertice su Alitalia per dirimere gli ultimi nodi sull'integrazione con Etihad. "Si è trattato di un incontro proficuo, che consentirà in brevissimo tempo ad Alitalia di formulare una risposta all'ultima lettera di Etihad, in modo da giungere al più presto ad un esito positivo" ha fatto sapere Palazzo Chigi con una nota.

La lettera di Etihad - L'incontro ha seguito la lettera che, come anticipato da Sky TG24, il numero uno di Etihad, James Hogan, ha inviato ai vertici di Alitalia ribadendo i tempi ormai strettissimi del 31 luglio per definire l'integrazione e la necessità di dotare Alitalia di mezzi finanziari adeguati per far fronte agli impegni. Tra martedì e mercoledì la compagnia italiana invierà ad Abu Dhabi la risposta alle richieste formulate nella missiva.

Possibile ulteriore aumento di capitale - Per sbloccare la situazione, dopo l'impasse dei giorni scorsi (per le condizioni di Poste che hanno fatto indispettire gli altri soci), è dovuto scendere in campo il Governo. Tra i punti all'ordine del giorno nel summit proprio la situazione finanziaria di Alitalia e l'aumento di capitale di 250 milioni della compagnia che potrebbe non essere sufficiente per traghettarla fino all'accordo finale. La soluzione trovata, che l'a.d. della compagnia, Gabriele Del Torchio, sta mettendo nero su bianco nella risposta per Etihad, prevede l'impegno di Poste ad investire 65-70 milioni nella mid-co, una società intermedia tra la old Alitalia e la nuova compagnia. Inoltre, per far fronte alle esigenze di liquidità, l'aumento di capitale da 250 milioni varato venerdì scorso dovrebbe essere portato fino a 300 milioni.

I presenti al vertice - Alla riunione hanno partecipato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio, il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi, i vertici di Alitalia Gabriele Del Torchio e Roberto Colaninno e i importanti azionisti come l'amministratore delegato di Poste Francesco Caio, Unicredit in conference call e, per Atlantia, il cfo Giancarlo Guenzi. "Tutto bene" le uniche parole del ministro Lupi al termine del vertice. "Abbiamo fatto passi avanti" si è limitato a dire Delrio (VIDEO).

Leggi tutto