Padoan: "Il taglio del cuneo fiscale sarà permanente"

1' di lettura

Il ministro dell'Economia in Aula spiega che il bonus degli 80 euro sarà reso strutturale nella prossima legge di stabilità. Ma avverte: "La crescita resta debole e la disoccupazione alta. La strada delle riforme non sarà abbandonata"

Il taglio del cuneo fiscale, gli 80 euro in busta paga arrivati con il dl bonus, saranno resi strutturali a partire dalla legge di stabilità. A confermarlo, intervenendo nell'Aula della Camera, il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, che ha anche aggiunto che "si proseguirà con il taglio dell'Irap".

Padoan: "Stime Ue non tengono conto delle privatizzazioni" - Riguardo ai possibili timori dell'Europa sui conti italiani, Padoan ha assicurato che "per quanto riguarda le valutazioni sull'aggiustamento fiscale non sufficiente a garantire il rispetto della regola del debito, va considerato che le stime della Commissione non tengono conto delle minori spese pianificate ma non ancora specificate nel dettaglio, e dei maggiori introiti come quelle attesi dalle privatizzazioni in via di programmazione".

La crescita resta debole
- In generale però la situazione economica italiana continua a dover essere monitorata con attenzione. La crescita infatti resta debole e la disoccupazione elevata, ha osservato il ministro dell'Economia, secondo cui però il problema del lavoro riguarda tutta l'Europa e va dunque affrontato a livello internazionale. La lotta alla disoccupazione ha spiegato deve essere quindi una priorità non solo del semestre italiano ma del prossimo ciclo parlamentare in Europa.

Necessarie le riforme
- La via da battere, secondo Padoan, resta sempre quella delle riforme da attuare su tre pilastri: "Più apertura del mercato interno e globale; riforme strutturali; più investimenti  per la crescita con diversi canali". "Non ci sono scorciatoie per la crescita" aggiunge Padoan. Certo, argomenta il ministro dell'Economia, la crescita tarda a prendere quota e questo rischia di rendere più difficile il compito del governo di risanare i conti pubblici e incoraggiare la ripresa, ma la strada delle riforme non sarà abbandonata.

Leggi tutto