Dopo Apple e Google, anche Microsoft punta sulla salute

Credit: Flickr / Nicola since 1972
1' di lettura

La società fondata da Bill Gates starebbe sviluppando un braccialetto per misurare attività fisica e parametri vitali. Il dispositivo dovrebbe avere il suo punto di forza nella compatibilità quasi universale. Una mossa per tenere il passo delle rivali

di Raffaele Mastrolonardo

Apple? Sì. Google? Sì. E ora, a quanto pare, pure Microsoft. Anche il colosso di Redmond sarebbe pronto a fare il grande salto in uno degli universi più promettenti del mondo delle tecnologie digitali contemporanee: quello che incrocia smartphone, dispositivi indossabili e applicazioni per il monitoraggio dello stato di forma dell'utente e della sua salute. Secondo recenti indiscrezioni, l'azienda di Satya Nadella starebbe lavorando ad un gadget da polso, e non si tratterebbe di uno smartwatch in senso stretto quanto piuttosto di un braccialetto predisposto per misurare una serie di parametri vitali. Più simile quindi per design e concezione a prodotti tipo Fitbit che ai cosiddetti orologi intelligenti. Con questa mossa – il cui lancio commerciale sarebbe previsto in autunno – Microsoft cerca di tenere il passo dei rivali, che già si sono attrezzati con il varo di app, piattaforme ad hoc e prodotti analoghi o sono pronti a farlo.

Compatibilità - Secondo quanto riportato nei giorni scorsi da più testate, il nuovo hardware della società guidata da Satya Nadella vanterebbe 11 sensori in grado di rilevare parametri come calorie bruciate, passi compiuti, frequenza cardiaca, ore di sonno. Niente di nuovo, da questo punto di vista, rispetto a quanto è già in commercio. La differenza starebbe invece nella compatibilità quasi universale del dispositivo. Il braccialetto di Microsoft infatti non farebbe distinzioni tra piattaforme e sarebbe pronto a integrarsi con smartphone equipaggiati con Windows Phone, iOs e Android. Insomma, nessuna esclusività. La mossa deriva dalla posizione di svantaggio da cui parte l'azienda fondata da Bill Gates le cui quote sul mercato dei telefonini intelligenti sono troppo basse per consentire una diffusione sufficiente dell'accessorio se la società puntasse solo sull'autarchia.

Un mercato in crescita – Il nuovo hardware completerebbe l'offerta di Microsoft in tema. Per Windows Phone sono infatti già presenti applicazioni che consentono all'utente di tenere sotto controllo il proprio stato di forma e di salute. Nessuno, dunque, sembra resistere all'attrazione di questo segmento di mercato che numeri e analisi danno in crescita. Secondo una recente stima della società di ricerca IHS, le vendite globali di dispositivi per il monitoraggio dell'attività sportiva raggiungeranno nel 2014 i 2,2 miliardi per crescere fino a 2,8 miliardi nel 2019. Nello stesso periodo il numero di gadget venduti salirà da 84 a 120 milioni. Il fermento del segmento è confermato anche dai numeri sull'uso delle app. Secondo la società di ricerche di mercato Flurry , l'uso di applicazioni relative alla salute e al benessere su iPhone e iPad è cresciuto da dicembre 2013 a giugno 2014 del 66% contro una crescita media delle app del 33%. Da notare, secondo Flurry, come tra i più assidui utilizzatori di queste applicazioni ci siano le donne, che costituiscono il 62% di quelli che la società chiama “Fitness Fanatics”, ovvero coloro che monitorano la propria attività e il proprio benessere tre volte più della media.

Apple-Watch? - Cifre come queste  offrono un contesto per interpretare meglio le mosse dei grandi colossi della rete e dei gadget, tutti in fermento. Nel corso dell'ultima Worldwide Developers Conference, Apple ha presentato gli aggiornamenti del sistema operativo di iPhone e iPad. Tra le novità anche Health, un'applicazione che permette il monitoraggio dei parametri vitali arrivata insieme all'annuncio di una collaborazione con 20 partner di ambito sanitario tra Europa e Stati Uniti. L'azienda ha inoltre presentato HealthKit, un kit per gli sviluppatori che vogliano programmare applicazioni in questo universo. Intanto i rumors sul tanto atteso smartwatch della casa, che dovrebbe avere funzionalità che riguardano il benessere, continuano a moltiplicarsi. Secondo il Wall Street Journal, la società di Cupertino starebbe lavorando al lancio di svariate versioni del gadget. Google, da parte sua, ha introdotto da tempo Android Wear, il suo sistema operativo per dispositivi indossabili, che Samsung e LG hanno già utilizzato per due prodotti lanciati sul mercato americano e che, tra le altre cose, raccolgono informazioni sull'attività fisica di chi li indossa.

Leggi tutto