Istat, nascite in calo nel 2013. Toccato il minimo storico

Istat: ulteriore calo delle nascite. Nel 2013 raggiunto il minimo storico
1' di lettura

Per il quinto anno consecutivo l’Istituto di statistica registra una diminuzione dei nuovi nati. Il numero medio di figli per donna scende da 1,42 nel 2012 a 1,39 nel 2013. Calano le immigrazioni dall'estero, aumentano le emigrazioni

L’Italia deve fare i conti ancora con il calo demografico. A testimoniarlo sono i dati diffusi giovedì 26 giugno dall’Istat riguardanti le stime riferite al 2013.
Per il quinto anno consecutivo, sottolinea l’Istituto di statistica, le nascite diminuiscono nel nostro paese, attestandosi a 514 mila nel 2013. Il numero medio di figli per donna scende da 1,42 nel 2012 a 1,39 nel 2013 mentre l’età media al parto sale a 31,5 anni. Circa l’80% delle nascite proviene da donne italiane mentre il restante 20% da donne straniere. La fecondità delle prime scende, tra il 2008 e il 2013, da 1,34 a 1,27 figli per donna ma diminuisce anche la fecondità delle donne immigrate: da 2,65 figli per donna a 2,20 nel medesimo periodo.

L'età media delle partorienti è 31,1 anni - Tali trasformazioni, spiega l’Istat, riguardano almeno quattro aspetti tra loro connessi: la propensione a procreare figli in età sempre più avanzata, la compressione e l'invecchiamento al suo interno della popolazione femminile in età feconda, il ruolo esercitato dalle donne immigrate e le differenze territoriali. Uno dei motori trainanti del recupero di fecondità registrato nel periodo 1995-2008 era stato, perlomeno per le cittadine italiane, lo spostamento in avanti dell'età media al parto, passata da 29,8 a 31,1 anni. Tale trasformazione ha accompagnato la transizione nelle età più feconde delle donne appartenenti alle generazioni nate negli anni del baby boom.


Calano gli ingressi degli stranieri - Sono stati 279mila nel 2013, contro i 321mila del 2012, gli ingressi dei cittadini stranieri in Italia: 42mila in meno. Crollano gli arrivi dalla Romania (-25% sul 2012) e dalla Cina (-12%). Nonostante il forte calo, la Romania si conferma tuttavia il principale Paese di provenienza, davanti a Marocco (19mila) e Cina (18mila). Stabili i flussi in arrivo dal Marocco (-0,8%), mentre aumentano quelli da Egitto (+15%) e Ucraina (+10%).

Aumentano le emigrazioni - Cresce, invece, il numero di chi lascia l'Italia. Nel 2013 le emigrazioni sono state circa 126mila (2,1 per mille), contro le 106mila dell'anno precedente (1,8 per mille). Nel periodo 2008-2013, tra coloro che hanno abbandonato il Paese per una destinazione estera è raddoppiato sia il numero di residenti stranieri (da 22 a 44mila), che il numero di italiani (da 40 a 82mila). Aumenta la speranza di vita - A fine 2013, gli individui di 65 anni e oltre rappresentano il 21,4% del totale (21,2% nel 2012), risultando in ulteriore aumento, mentre i giovani fino a 14 anni di età scendono al 13,9% (dal 14% del 2012).

Cresce la speranza di vita - Aumenta la speranza di vita alla nascita, giunta nel 2013 a 79,8 anni per gli uomini e a 84,6 anni per le donne. A fine 2013, gli individui di 65 anni e oltre rappresentano il 21,4% del totale (21,2% nel 2012), risultando in ulteriore aumento, mentre i giovani fino a 14 anni di età scendono al 13,9% (dal 14% del 2012).
Il matrimonio religioso perde ancora terreno - Cala il numero dei matrimoni celebrati con rito religioso, che perdono ulteriore terreno nei confronti del rito civile. Tra il 2008 e il 2013 la quota di sposi che sceglie il primo passa infatti dal 63% al 57%, mentre la quota di coloro che optano per il secondo cresce dal 37% al 43%. Complessivamente nel 2013 si sono celebrati meno di 200mila matrimoni, per un quoziente di nuzialità pari al 3,3 per mille, il più basso nella storia del Paese.

Leggi tutto