Apple rimborserà 32,5 mln per acquisti di app senza consenso

1' di lettura

Cupertino patteggia con l'antitrust americana, che l'accusa di non aver propriamente comunicato ai clienti che una volta immessa la password si apre automaticamente una finestra di 15 minuti durante la quale sono ammessi acquisti senza limiti

Apple si impegna a rimborsare 32,5 milioni ai genitori che si sono visti addebitare costi per upgrade di app e giochi su iPhone e iPad effettuati dai figli senza il loro consenso. Cupertino patteggia con la Federal Trade Commission, l'antitrust americana, che l'accusa di non aver propriamente comunicato ai clienti, soprattutto genitori, che una volta inserita la password si apre automaticamente una finestra di 15 minuti durante la quale sono ammessi acquisti senza limiti dall'App Store. Finestra della quale molti bambini hanno approfittato senza avvertite i genitori che, ignari, si sono poi visti addebitare costi non approvati.

Rimborsi per app acquistate senza consenso - Un 'problema', questo, di cui - secondo la Ftc - Apple è consapevole dal 2011 ma che non ha mai risolto. "Tutelare i bambini è la priorità dell'App Store dall'inizio e Apple è orgogliosa di aver creato standard per i negozi online rendendo l'App Store un posto sicuro per i clienti di tutte le età. L'accordo di oggi estende il nostro programma di rimborsi per gli acquisti nelle app effettuati senza il permesso dei genitori" afferma Apple in una nota.

A febbraio, Apple aveva patteggiato una class action - Lo scorso febbraio Apple ha patteggiato una class action sullo stesso tema, pagando decine di milioni di dollari a più di 23 milioni di clienti. In una email ai dipendenti l'amministratore delegato di Apple, Tim Cook, critica la Ftc per aver "continuato un caso che era già stato patteggiato. Comunque quanto proposto dalla Ftc non ci richiede nulla che non stiamo già facendo per questo abbiamo deciso di accettare invece di imbarcarci in una lunga battaglia legale". L'accordo con l'antitrust americana richiede a Apple anche di rivedere le pratiche con cui ottiene il consenso per i pagamenti sugli acquisti per le app entro il marzo 2014.

Apple: accordo con China Mobile - L'intesa con la Ftc arriva mentre Apple si prepara a uno sbarco in grande in Cina: l'accordo con China Mobile, il primo operatore telefonico al mondo, si concretizzerà venerdì 17 gennaio, con i primi iPhone China Mobile in vendita. Milioni di ordini sono già stati effettuati, afferma il presidente del colosso cinese Xi Guoha. L'accordo fra le due società va al di là dell'iPhone e prevede una più ampia collaborazione fra Apple e China Mobile. Cook si dice "molto ottimista" sul risultato della collaborazione. "Ci stiamo conoscendo, è solo l'inizio. Ritengo che ci siano molte cose che le nostre società possono fare insieme".

Leggi tutto