Legge di Stabilità in Aula a Montecitorio il 18 dicembre

1' di lettura

La commissione Bilancio al lavoro per le ultime modifiche al testo che approda alla Camera mercoledì. Possibile la richiesta della fiducia. E sulla manovra il premier Letta ha incontrato i sindacati a Palazzo Chigi

Dalla salvaguardia per ulteriori 17.000 esodati, alla rivalutazione delle pensioni; dallo slittamento al 24 gennaio per il pagamento della mini-Imu, fino al tetto per il cumulo stipendi-pensioni per i 'pubblici' o il prelievo sui vitalizi. Fino al fondo taglia-cuneo. Sono molte le modifiche introdotte durante la seconda lettura, in Commissione Bilancio alla Camera, della Legge di Stabilità. Il testo arriva in Aula a Montecitorio il 18 dicembre decisamente diverso da quello uscito dal Senato e non è escluso il ricorso alla fiducia. Poi la manovra torna a Palazzo Madama per l'approvazione definitiva poco prima di Natale.

Intanto il presidente del Consiglio Enrico Letta ha incontrato nella giornata del 17 dicembre a Palazzo Chigi i leader di Cgil, Cisl e Uil. Governo e Parlamento vorrebbero introdurre dentro la manovra il fondo per la riduzione del prelievo fiscale su lavoratori, pensionati, imprese e professionisti, che sarà alimentato da due voci: la revisione mirata della spesa pubblica e la lotta all'evasione fiscale.

Leggi tutto