Samsung perde la causa: pagherà 290 milioni alla Apple

1' di lettura

Il verdetto del tribunale californiano di San Josè nel processo per violazione di brevetti. Il colosso di Cupertino aveva chiesto 379,8 milioni di dollari mentre la società coreana aveva accettato di pagarne solo 52,7

Apple mette a segno una nuova vittoria nella sua lotta a colpi di ricorsi in tribunale contro Samsung. Il tribunale federale californiano di San Josè ha ordinato alla società sudcoreana di pagare al colosso di Cupertino 290,45 milioni di dollari per violazione di brevetti. Apple aveva chiesto 379,8 milioni mentre Samsung aveva accettato di pagarne solo 52,7 milioni.

La battaglia legale è iniziata ormai due anni fa. Il giudice Lucy Koh aveva ridotto di oltre 400 milioni di dollari la sentenza iniziale contro Samsung del 2012. La precedente giuria aveva fissato a 1,05 miliardi di dollari la cifra che Samsung avrebbe dovuto pagare ad Apple. Il giudice Koh però aveva imposto un nuovo processo, stabilendo che erano stati commessi errori nel calcolare quanto Samsung avrebbe dovuto pagare ad Apple, sottraendo dalla cifra fissata oltre 400 milioni di dollari.

Nel nuovo processo la ditta di Cupertino chiedeva 380 milioni di dollari. Samsung riteneva di doverne pagare 52 milioni di dollari. Samsung potrebbe fare ricorso contro la decisione. Un terzo processo fra Samsung e Apple è in programma in marzo per valutare le rivendicazioni della "mela", che accusa i nuovi prodotti Samsung di copiare la sua tecnologia.

Leggi tutto