Cisl: "Persi 1000 euro di reddito in 5 anni"

1' di lettura

Secondo un'indagine del sindacato e dell'Università di Firenze, tra il 2007 e il 2012 lavoratori e pensionati che si sono rivolti al Caf hanno subìto una consistente perdita del reddito disponibile a causa dell'imposizione fiscale

Il peso del fisco in 5 anni ha mangiato oltre 1.000 euro di reddito alle famiglie italiane. E' quanto rivela un'indagine della Cisl e dell'Università di Firenze sulle dichiarazioni dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati che si sono rivolti ai Caf Cisl. Inoltre si è registrato un balzo delle addizionali Irpef con un +31% tra 2010 e 2012.

Bonanni: "Sistema irresponsabile" - Il sistema fiscale italiano è "irresponsabile", denuncia il segretario generale del sindacato di via Po, Raffaele Bonanni.
"Nell'ultimo quinquennio lavoratori e pensionati sono stati rovinati da una tassazione irresponsabile - dice - abbiamo assistito ad una crescita abnorme di soprusi". La questione fiscale - secondo il leader della Cisl - è "una vicenda centrale dal punto di vista economico, sociale, democratico: non capisco, ha sottolineato, come persone avvertite non capiscano la pericolosita' della situazione. Il fisco sta depauperando i cittadini e in passato i grandi sommovimenti sono avvenuti proprio sulle tasse, i regimi sono crollati di fronte a tassazioni ingiuste". Infine Bonanni chiede a Saccomanni e al governo di tirare fuori i dossier sui giochi: "Le scelte non sono mai neutre. La tassazione sul gioco d'azzardo è allucinante, perché non tira fuori un dossier su questo?".

I dati dal 2007 al 2012 - Tra il 2007 e il 2012, si legge nell'indagine, lavoratori e pensionati hanno subito una consistente perdita del reddito disponibile.
La perdita del reddito disponibile è stata del 5,7% per l'aumento dell'imposta netta dovuto al drenaggio fiscale (fiscal drag), per la crescita della fiscalità locale, per il mancato adeguamento delle detrazioni per lavoro dipendente e per pensioni, per l'insufficiente crescita del reddito reale che non riesce a compensare l'aumento dell'imposta netta.
Il reddito medio dei contribuenti Caf-Cisl risulta infatti aumentato del 2,5% tra il 2010 e il 2012 e dell'1,6% tra i 2011 e il 2012; l'ammontare dell'imposta netta appare cresciuta rispettivamente del 5% e del 2,8%.

1.040 euro di perdita media - Per effetto del fiscal drag i contribuenti Caf-Cisl hanno cumulato una perdita di circa 1.040 euro, pari al 5,83% del reddito 2012, che ha pesato soprattutto sulle classi centrali (tra 10 e 55 mila euro di reddito complessivo).
Secondo lo studio, la percentuale di reddito "perso" supera il 6% per i contribuenti con un reddito compreso tra 29 e 50 mila euro. Restano poco o per nulla toccati dal fenomeno i contribuenti all'interno della no tax area, molti dei quali con un'imposta netta pari a zero nei due scenari, così come rimangono solo marginalmente sfiorati dal fenomeno i redditi alti e medio alti (sopra i 55 mila euro l'entità del fenomeno è relativamente contenuta; è minima per i redditi superiori a 150mila euro).
Infine volano le addizionali comunali e regionali: l'ammontare complessivo, nel 2012, è risultato in media di 408 euro: in crescita di circa 6% rispetto al 2011 (come effetto dello sblocco delle addizionali comunali) e di oltre il 31% rispetto al 2010.

Leggi tutto