Telecom, allarme Copasir: "Sicurezza nazionale a rischio"

1' di lettura

Il presidente Stucchi: attraverso la rete passano informazioni riservate. Letta: non vogliamo perdere asset strategici. Bernabè: "Abbiamo saputo dell'acquisizione dai comunicati stampa". Saccomanni: "Lo scorporo è una possibilità"

Il presidente del Copasir (Commissione parlamentare di controllo sui servizi segreti),  Giacomo Stucchi (Lega Nord),  lancia l'allarme sicurezza sul possibile passaggio del controllo di Telecom agli spagnoli di Telefonica. La scalata di Telefonica in Telco pone "seri problemi di sicurezza nazionale, visto che la rete Telecom è la struttura più delicata del Paese, attraverso cui passano tutte le comunicazioni dei cittadini italiani e anche quelle più riservate", ha detto Stucchi, in una dichiarazione confermata da una sua portavoce.

Bernabè: "Saputo di nuovo assetto da comunicati stampa" - Dal presidente di Telecom Franco Bernabè, intanto, nel corso della sua audizione al Senato è arrivato un duro j'accuse. "Abbiamo avuto conoscenza ieri dalla lettura dei comunicati stampa della recente modifica dell'accordo parasociale tra gli azionisti di Telco" ha detto Bernabè. "Se il sistema Italia fosse stato davvero così preoccupato di futuro di Telecom Italia come negli ultimi due giorni forse sarebbe stato possibile un intervento più strutturale".

Letta: "Non possiamo perdere la rete" -
E mentre resta alta la preoccupazione da parte dei sindacati (Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto un incontro urgente al governo), il premier Letta, dagli Usa, offre le sue rassicurazioni: l'esecutivo considera la rete di Telecom Italia ''strategica'', non intende perderla e vuole garanzie sulla salvaguardia dei livelli di occupazione del Gruppo. A supporto delle parole del premier, arrivano quelle del ministro dell'Economia Saccomanni a Otto e mezzo: "Il governo troverà una soluzione per mantenere il controllo della rete anche una volta che Telefonica avrà assunto il controllo di Telecom, e tra le strade possibili vi è anche lo scorporo".

Il liveblogging con tutti gli aggiornamenti



Leggi tutto