Unioncamere: risale la fiducia tra le imprese dell'industria

1' di lettura

Gli imprenditori del manifatturiero mostrano un miglioramento delle attese rispetto al 2012, mentre quelli del commercio e dei servizi evidenziano un peggioramento. I dati del Centro studi

"Risale la fiducia tra le imprese dell'industria" ma restano "prospettive ancora incerte per quelle di commercio e servizi". Per tutti comunque il trimestre  luglio-settembre si chiuderà in negativo. E' un ritratto in bianco e nero quello che emerge dai risultati dell'indagine congiunturale sulle imprese del manifatturiero, del commercio e dei servizi realizzata dal Centro studi di Unioncamere con riferimento agli andamenti del II trimestre e alle previsioni per il III trimestre del 2013.
"Pur rimanendo entrambi in territorio negativo - indica Unioncamere - da un lato gli imprenditori del manifatturiero mostrano un apprezzabile recupero di fiducia nelle prospettive a breve, mentre quelli del commercio e dei servizi evidenziano un peggioramento delle attese rispetto a un anno fa".

Fiducia in industria, incertezza nel commercio - Nell'industria manifatturiera il saldo tra attese positive e negative rispetto all'andamento della produzione nel terzo trimestre si attesta a -16 punti percentuali, contro i -23 punti registrati nello stesso periodo dello scorso anno; la distanza tra pessimisti e ottimisti si riduce, in senso positivo, anche per le attese sul fatturato: dal -20% -15%.
Rispetto all'estate 2012, invece, "appare in peggioramento il sentimento degli imprenditori di commercio e servizi: sul fronte delle vendite la differenza tra attese positive e negative è di -18 punti percentuali, contro i -10 dello stesso periodo dell'anno scorso. In linea con questo dato anche le indicazioni che vengono dagli imprenditori dei servizi: -15% contro il -7% del 2012".

Leggi tutto