Berloni, le storiche cucine italiane a un gruppo di Taiwan

Fotogramma
1' di lettura

L’azienda pesarese, in concordato preventivo, ha ceduto la maggioranza delle azioni alla Hcg, una holding che spazia dal mobile all'edilizia fino alla componentistica per le armi. Il patron Marcello Berloni: “Mi interessa che il marchio continui a vivere”

Ha lottato Marcello Berloni, patron di un marchio storico che in Italia e nel mondo significa cucine, per garantire la sopravvivenza dell'azienda di Chiusa di Ginestreto, a Pesaro, perché la crisi "ormai cronica del settore dell'arredamento", aveva detto qualche tempo fa, non ha fatto sconti al gruppo di famiglia. Venerdì 26 luglio il passaggio di consegne della maggioranza delle azioni (il 50%) alla Hcg di Taiwan, una holding che spazia dal mobile all'edilizia fino alla componentistica per le armi, con un fatturato di 250 milioni di fatturato e quotazione in Borsa.

Berloni: “Mi interessa che azienda rimanga a Pesaro”
- "Ora - ha detto Berloni parlando ai giornalisti e ai rappresentanti di Confindustria e delle istituzioni - mi interessa che il marchio continui a vivere e a operare a Pesaro. Se vorranno, io rimarrò presidente onorario della società ma si sappia che per salvare l'azienda ho messo sul piatto tutto quello che avevo, comprese le mie case. Come uomo e come imprenditore ho la coscienza a posto". L'azienda è in concordato preventivo, che dovrà essere omologato dal tribunale di Pesaro.
"Sapere oggi - ha commentato Berloni - che il nome Berloni, dopo cinquant'anni, potrà continuare il suo percorso in Italia e nel mondo non solo mi rende felice ma mi fa immaginare che tutto questo, anche le recenti vicissitudini, potranno tradursi in un forte connubio tra tradizione e innovazione. Sono certo che sapremo collaborare affinché lo spirito della nostra azienda possa sposarsi con progetti innovativi sia in campo industriale che finanziario".

La nuova Berloni potrebbe riassorbire molti operai
- "Partiamo con 100 persone e un fatturato stimato di 8,5 milioni - ha annunciato Giovanni Gioli presidente della nuova Berloni Group e futuro ad - ma contiamo anche di arrivare al 2017 con 57 milioni di fatturato, per cui è possibile che molti operai vengano nel tempo riassorbiti". Alla famiglia Berloni resta in mano il 6% (e tre posti nel cda), il 44% va ad Intermedia, mentre il 50% sarà appunto in mano ai taiwanesi. E ripercorrendo la trattativa con il gruppo, il figlio di Marcello, Roberto, ha avuto più volte la voce spezzata dalla commozione. Erano presenti anche il sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli, e il presidente della Provincia di Pesaro Urbino Matteo Ricci, che hanno seguito le delicate fasi della vertenza dell'azienda fortemente radicata sul territorio.

Leggi tutto