Iva, Zanonato: aumento inevitabile. Brunetta: c'è confusione

1' di lettura

Il presidente dei deputati del Pdl attacca il ministro dello Sviluppo: "E' in contraddizione con il premier Letta". Il ministro dell'Economia Saccomanni avverte: "Eventuali interventi sull'Imposta sul valore aggiunto e sull'Imu costerebbero 8 miliardi"

Il governo punta al rinvio dell'aumento dell'Iva ed è caccia alle risorse. Il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni ha chiarito che eventuali interventi sull'Imposta sul valore aggiunto e sull'Imu costerebbero 8 miliardi. Dunque servono compensazioni "di estrema severità al momento non rinvenibili". Ancora più pessimista il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato, che dichiara: "In questo momento soldi per evitare l'aumento dell'Iva nel bilancio dello Stato non ce ne sono". Immediata la reazione del capogruppo del Pdl alla Camera, Renato Brunetta: "Insopportabile confusione. Intervenga Letta".

Saccomanni: Imu e Iva costano 8 miliardi - L'eliminazione completa dell'Imu costa 4 miliardi e altrettanto il blocco di un punto dell'Iva, ha spiegato il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni in Senato rispondendo ad alcune interrogazioni.
Insomma, al momento il bilancio pubblico non offre spazi adeguati per trovare gli 8 miliardi necessari su base annua a bloccare l'aumento dell'Iva e a esentare la prima casa dal pagamento dell'Imu. "Se l'Imu dovesse essere eliminata definitivamente l'onere finanziario sarebbe di 4 miliardi di euro all'anno. Se a questo si aggiungono i 4 miliardi dell'Iva si deve ipotizzare la necessità di interventi di tipo compensativo di estrema severità, che al momento attuale non sono rinvenibili", ha detto Saccomanni.

“Governo deciderà in collaborazione con Parlamento” - "Il governo intende esaminare questo tipo di problemi in piena collaborazione con il Parlamento. Sarà in quella sede che, tenendo conto delle esigenze di finanziamento, dovranno essere fatte le priorità opportune tenendo conto degli impatti relativi di certi strumenti di politica fiscale". "Il nostro impegno è quello di fornire al Parlamento tutti i parametri per poter prendere una decisione motivata", ha aggiunto il ministro.

Zanonato: “Impossibile evitare aumento Iva” -  La conferma che la missione sarà difficile, anzi impossibile, almeno per quanto riguarda l’Iva, arriva dal ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato: "Fra 16 giorni senza che il governo faccia nulla, visto che è stato un provvedimento già deciso dal precedente esecutivo, noi avremo l'Iva aumentata di un punto dal 21 al 22%. L'ho già detto nella mia assemblea più difficile, quella della Confcommercio e lo dico ora. In questo momento soldi per evitare l'aumento dell'Iva nel bilancio dello stato non ce ne sono".

Brunetta: confusione. Intervenga Letta - Replica a stretto giro Renato Brunetta: "Con l'ennesima uscita del ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, fuori dalla linea del  governo, che sulla 'rinuncia all'aumento dell'Iva' si è impegnato e ha ottenuto la fiducia, continua il balletto di dichiarazioni, spesso  contraddittorie, sicuramente generatrici di incertezza. Non possiamo  più sopportare un tale stato confusionale, in un momento delicato per l'economia del nostro paese. A questo punto l'unico che può riportare ordine è il presidente del Consiglio, Enrico Letta. Ne va della dignità dell'intero esecutivo". Queste le parole del presidente dei deputati del Pdl.
"A Brunetta dico che bisogna accettare come principio l'aritmetica. Non credo che ci sia un accordo di programma che contraddice l'aritmetica. Letta potrebbe mai dire che l'aritmetica non funziona?" gli risponde il ministro Zanonato.

Leggi tutto