Letta, asse con Hollande: "Più crescita e lavoro"

1' di lettura

Dopo l’incontro con Angela Merkel, il premier italiano è volato a Parigi per un faccia a faccia con il presidente francese: “Soddisfatto al 100%”. Poi sull’Imu: “Polemiche fuori dalla realtà”. E sulla riforma Fornero: “Ora serve meno rigidità”. I VIDEO

La disoccupazione, soprattutto quella giovanile, è "il vero incubo" di questi anni. Nel giorno in cui si festeggia la festa dei lavoratori, il premier italiano Enrico Letta vola a Parigi (dopo l’incontro di 24 ore prima con Angela Merkel a Berlino) per un faccia a faccia con Francois Hollande (GUARDA TUTTI I VIDEO).
Al centro dei temi toccati nella conferenza stampa congiunta c’è quello del lavoro, abbinato a quello della crescita. Letta ha assicurato che l'Italia metterà "la stessa determinazione" per favorire le politiche di crescita così come ha fatto per la stabilità di bilancio.

Hollande: "L'Europa ha bisogno dell'Italia" - Rispondendo in francese a una domanda di un giornalista, il premier italiano, a proposito del faccia a faccia con Hollande, ha detto: "E' stato un incontro importante e positivo: devo dire che il tasso di soddisfazione da parte mia è del 100%".
L'Italia e per la Francia "più che un partner, è un Paese amico”, ha detto invece Hollande. “Sosteniamo tutti gli sforzi dell'Italia per superare le sue difficoltà politiche". Difficoltà che oggi "sono superate", ha chiarito il presidente francese.

Guarda il video



Letta: "Nessuna tensione con Angela Merkel" - Il premier italiano ha quindi rassicurato i partner europei: "Andrò a Bruxelles e confermerò la scelta del nostro governo su cui ho ottenuto il voto di fiducia di mantenere impegni presi con l'Ue e fare all'interno di quegli impegni le scelte necessarie perché l'Italia abbia più spazi per la crescita". Letta ha poi sottolineato la necessità di "dare più lavoro e possibilità di consumo" agli italiani.
Con Angela Merkel non c'è "nessuna tensione" - ha assicurato - e nel consiglio europeo di giugno "bisogna trovare soluzioni buone per tutti, anzi sono sicuro che troveremo soluzioni buone per tutti, per noi e anche per la Germania".

"Imu sospesa, poi discuteremo come superarla" - Quanto alle polemiche interne sull’Imu, il premier ha detto: “Ho sentito polemiche che non hanno corrispondenza alla realtà”. Vista "la particolarità del laboratorio politico italiano", si devono individuare delle misure da discutere poi in Parlamento perché si è deciso un metodo di "co-decisione Governo-Parlamento". Letta ha quindi spiegato come intende procedere: "Subito la sospensione della rata di giugno e poi insieme ridiscutere le modalità del superamento di questa tassa”.

Riforma Fornero "da rivedere" - Quanto alla riforma del lavoro di Elsa Fornero, Letta ha detto: "In un momento straordinario come questo è necessario un pochino meno di rigidità”. "Ci sono alcuni punti che in una fase recessiva stanno creando dei problemi", ha aggiunto Letta.

Leggi tutto