Istat: inflazione ai livelli del 2010, dimezzata in 6 mesi

1' di lettura

Il tasso annuo è sceso all'1,6% di marzo dal 3,2% di settembre. Il rallentamento è dovuto soprattutto alla decelerazione annua dei carburanti. A livello territoriale, a Reggio Calabria, Genova, Roma e Bologna i prezzi registrano gli aumenti più elevati

Il tasso d'inflazione annuo si è dimezzato nell'arco di sei mesi, scendendo all'1,6% di marzo dal 3,2% di settembre. Inoltre, con l'1,6% segnato a marzo si torna indietro a settembre 2010 (quando era stato rilevato lo stesso valore). Lo comunica l'Istat, aggiungendo che "nel mese di marzo 2013, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente" (qui tutti i dati)

Inflazione al ribasso - "L'ulteriore rallentamento dell'inflazione a marzo (dall'1,9% di febbraio) è principalmente imputabile alla netta decelerazione della crescita su base annua dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati (+0,2%, dal +2,9% di febbraio)" prosegue la nota.
"A contribuire all'aumento congiunturale (+0,2%) dell'indice sono, in particolare, i rialzi su base mensile dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+1,7%) e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,6%), dovuti per lo più a fattori di carattere stagionale. L'inflazione acquisita per il 2013 è pari all'1,0%", continua l'Istat.

In rialzo casa e prodotti alimentari - Analizzando i diversi settori, i maggiori tassi di crescita su base annua si registrano per i capitoli 'Abitazione, acqua, elettricità e combustibili' (+4,3%), 'Istruzione' (+2,9%), 'Prodotti alimentari e bevande analcoliche' (+2,4%), mentre i prezzi delle 'Comunicazioni' risultano in sensibile flessione (-5,6%). Nel dettaglio, spiccano i rialzi per alcuni prodotti della tavola: frutta fresca (+7,7% in termini tendenziali), uova (+6,1%) e vini (+4,1%). A marzo si fanno anche sentire effetti stagionali, dovuti alla Pasqua (prezzi trasporto aereo passeggeri +19,5%, +11,2% su base annua). In forte rialzo risulta anche il segmento dei supporti con registrazioni di suoni, immagini e video, come film su dvd e compact disc, (+4,2%, +30,3% in termini tendenziali).

A livello territoriale, le città capoluogo di regione Reggio Calabria (+3,4%), Genova (+2,5%), Roma e Bologna (per entrambe +2,0%) sono quelle in cui i prezzi registrano gli aumenti più elevati rispetto a marzo 2012, mentre i tassi d'inflazione più contenuti riguardano Palermo, Aosta (per entrambe +1,1%) e Cagliari (+1,2%).

Leggi tutto