L'asta dei Bot fa volare le Borse. Spread a quota 300

1' di lettura

Tasso a 3 mesi al minimo storico. Soddisfatto Monti: "E' un capitale, questo, della credibilità in termini di riequilibrio finanziario che è costato molti sacrifici e che genera vantaggi cospicui". Milano chiude a +3.19%

Festeggiano le Borse europee mettendo a segno i rialzi più forti da oltre un mese a questa parte, lo spread scende a 300 punti base mentre il Tesoro fa il pieno in un collocamento di Bot a tre mesi e ad un anno per complessivi 11 miliardi di euro con tassi in calo al minimo storico sulla scadenza trimestrale allo 0,243%. E il premier Monti, esprimendo soddisfazione per l'esito dell'asta, spiega che "è un capitale, questo, della credibilità in termini di riequilibrio finanziario che è costato a tutti gli italiani molti sacrifici e che genera vantaggi cospicui", ed avverte quindi che "sarebbe disastroso perdere oggi questo capitale".

Borse, Madrid maglia rosa -
I listini del Vecchio Continente prendono il volo grazie all'impegno della Banche centrali di continuare a sostenere l'economia mondiale con misure di stimolo. Madrid è maglia rosa (+3,35%), seguita a ruota da Milano (+3,19%), quindi Francoforte (+2,27%), Parigi (+1,99%) e Londra (+1,17%). In America la Federal Reserve, che mercoledì 10 aprile ha diffuso i verbali della riunione di marzo, manterrà il programma d'acquisto di bond da 85 miliardi di dollari fino alla fine dell'anno. "Se le prospettive per il mercato del lavoro miglioreranno come anticipato, sarà probabilmente appropriato rallentare gli acquisti più avanti nel corso dell'anno e fermarli entro la fine dell'anno", recitano i verbali della Banca Centrale Usa, aggiungendo che i tassi d'interesse bassi non sembrano essere accompagnati da squilibri sul mercato.

Politica monetaria, Bce pronta ad agire - In Giappone la Bank of Japan ha varato una manovra di allentamento monetario "qualitativo e quantitativo" e il suo governatore Haruhiko Kuroda, ha detto che se sarà necessario, l'istituto allenterà "ulteriormente" la politica monetaria. E nell'eurozona la Banca Centrale Europea "è pronta ad agire" se necessario, come ha indicato il presidente Mario Draghi nella riunione della settimana scorsa. Questo fiume di liquidità impatta anche sul mercato obbligazionario con gli investitori che comparano a mani basse titoli di Stato più redditizi come quelli italiani.

Spread a quota 300 -
Lo spread Btp-Bund oggi è sceso brevemente anche sotto quota 300 punti, mentre il Tesoro ha spuntato tassi minimi per vendere 3 miliardi di euro di Bot a 3 mesi e 8 miliardi di Bot a un anno. Sulla prima scadenza il rendimento e' appunto sceso allo 0,243% dallo 0,765% dell'asta di ottobre 2012, sulla seconda è calato allo 0,922% dall'1,280% di marzo. La domanda è stata solida su entrambe le scadenze. E domani si replica con un'asta Btp a 3 e 15 anni fino a 6 miliardi di euro e di Ccteu (scadenza giugno 2017) fino a 1,5 miliardi di euro.
Sul mercato valutario l'euro si rafforza sulla divisa nipponica, sfondando quota 130 yen a 130,51, segnando i massimi da gennaio 2010. La valuta del Sol Levante sconta gli effetti della manovra di allentamento monetario varata da Tokyo e sprofonda anche contro il biglietto verde a 99,72 yen per dollaro, la quotazione piu' bassa da maggio 2009. Stabile il cambio euro-dollaro a 1,3080.

Leggi tutto