Commissione Ue: famiglie italiane le più colpite dalla crisi

1' di lettura

Secondo Bruxelles, "lo stress economico ha avuto ripercussioni in Bulgaria, Cipro, Irlanda, Portogallo, Grecia, Spagna" e soprattutto nel nostro Paese, "dove è salita al 15% la popolazione in difficoltà economica". Crolla la produttività

Nel 2012 l'Italia è il Paese dove la crisi finanziaria ha avuto le conseguenze maggiori. E’ quanto si legge nel rapporto di Bruxelles sull'occupazione. "Lo stress economico - scrive la Commissione - ha avuto ripercussioni in Bulgaria, Cipro, Irlanda, Portogallo, Grecia, Spagna e soprattutto Italia, dove è salita al 15% la popolazione in difficoltà economica".

L’Italia, inoltre, secondo il rapporto trimestrale sull'occupazione della Commissione Ue, è il Paese, tra quelli più grandi d'Europa, dove la disoccupazione nell'ultimo trimestre 2012 ha subito l'accelerazione più marcata rispetto al trimestre precedente (+0,5%), seguono Polonia (+0,3%), Spagna (+0,1%) e Francia (+0.1%).
Crollata anche la produttività: -2,8% nell'ultimo trimestre 2012, dopo il calo ancora più forte del 3% del precedente trimestre”.

Leggi tutto