Bari, chiude stabilimento Bridgestone: 950 posti a rischio

1' di lettura

L’azienda ha annunciato di aver avviato le procedure per la chiusura della fabbrica, situata nella zona industriale di Modugno, entro la prima metà del 2014. La domanda, nel settore, è scesa da 300 milioni di unità del 2011 a 261 milioni del 2012

La Bridgestone Europe ha annunciato di aver avviato le procedure per la chiusura dello stabilimento di pneumatici per auto presente nella zona industriale di Modugno, in provincia di Bari, che dà lavoro a 950 persone. L'azienda prevede la cessione delle attività non oltre la prima metà del 2014.

La fabbrica di Bari è uno degli 8 impianti di pneumatici del gruppo in Europa, che produce anche in Spagna, Francia, Polonia e Ungheria ma, come si precisa in una nota aziendale, la decisione non ha alcuna conseguenza sulle altre strutture del gruppo presenti in Italia, uno dei mercati chiave in Europa, quali il Centro Europeo di Ricerca & Sviluppo di Roma e la struttura commerciale di Agrate Brianza (Monza).

Nella nota con cui l'azienda ha comunicato la decisione, si sottolinea che il segmento dei pneumatici per autovetture è sceso da 300 milioni di unità del 2011 a 261 milioni del 2012 (-13%), con previsioni che stimano un recupero dei volumi pre-2011 soltanto a partire dal 2020. "In aggiunta - prosegue la nota - al calo strutturale della domanda di pneumatici per autovetture".

"L'azienda - si legge ancora nella nota - è disponibile fin da subito a iniziare la discussione per individuare la migliore soluzione in grado di minimizzare il più possibile l'impatto sociale della decisione sui circa 950 dipendenti coinvolti, coerentemente con la cultura del Gruppo". "Tuttavia, Bridgestone Europe prevede la cessazione delle attività dello stabilimento non più tardi della prima metà del 2014".

Leggi tutto