Saldi, Confcommercio: "In media spenderemo 150 euro a testa"

1' di lettura

Scattano il 2 gennaio gli sconti in Basilicata, Campania e Sicilia. Secondo l’associazione dei commercianti ogni famiglia spenderà in media 359 euro per un valore complessivo di 5,6 miliardi, pari al 18% del fatturato. IL CALENDARIO REGIONE PER REGIONE

Al via il saldi invernali: dal 2 gennaio sarà possibile fare acquisti scontati in Basilicata, Campania e Sicilia mentre nelle altre regioni bisognerà attendere il 5 gennaio (GUARDA LA MAPPA CON IL CALENDARIO REGIONE PER REGIONE). Secondo Confcommercio ogni famiglia spenderà in media 359 euro per l'acquisto di capi d'abbigliamento ed accessori, per un valore complessivo di 5,6 miliardi, pari al 18% del fatturato. I saldi invernali rappresentano il 18% della spesa totale del settore abbigliamento e calzature.

L'Ufficio Studi di Confcommercio calcola che saranno 15,8 milioni le famiglie italiane, su un totale di 25,5 milioni, che approfitteranno dei saldi. E, l'acquisto medio per persona, sarà di 150 euro.
"I saldi - afferma Renato Borghi, vicepresidente di Confcommercio - rappresentano un appuntamento annuale irrinunciabile ed anche uno straordinario rito collettivo capace di attrarre l'interesse di quasi 16 milioni di famiglie italiane e di numerosissimi turisti stranieri affascinati dal made in Italy. Ma, in questo periodo - sottolinea Borghi - speriamo possano rappresentare una chance per i negozianti del settore moda dopo una stagione come quella di quest'autunno/inverno partita col freno tirato e per i consumatori per soddisfare una necessità e/o un desiderio con l'acquisto di un capo di qualità a prezzo più accessibile. I saldi di quest'anno saranno caratterizzati da qualità, ampiezza di assortimento e soprattutto prezzi, con percentuali di sconto veramente allettanti".

Leggi tutto