Geronzi a SkyTG24: "A Monti do 7, ma basta incertezze"

1' di lettura

Il banchiere promuove il governo ma spiega: "Gli darei anche di più se sciogliesse il nodo sulla candidatura". Quanto a Berlusconi: “Deve lasciare, il ciclo si è concluso”. E sul suo futuro dice: "Io di nuovo operativo? Quello è un tempo passato"

"Darei 7 a Monti e gli darei anche di più se sciogliesse il nodo sulla candidatura, il paese non ha bisogno di incertezza". E' il voto di Cesare Geronzi al governo di Mario Monti, al quale ora chiede, dai microfoni di SkyTG24 durante l’intervista di Maria Latella (il video integrale), di scendere in campo: "Non lasci che ci siano altri che presentano la sua candidatura". Negativo il giudizio invece sul fronte dei partiti di centro che potrebbero coalizzarsi dietro la figura del premier uscente: "Considero pietosa la cosa, ciascun capo di questi piccoli partiti non ha il coraggio di dire cosa vuol fare, mentre tutti invocano l'agenda Monti".

"Berlusconi? Un ciclo finito" - E su Berlusconi il banchiere dice: "E' un ciclo che si è concluso, semplicemente. Ecco perché deve lasciare". "Non è stato un potere forte – aggiunge - per quello che lo conosco non ha gestito il potere, forse lo ha fatto gestire a persone inadeguate. Lui ci ha messo del suo, ha fatto degli errori" e "dal 2008 non è stato più il Berlusconi che conoscevo".
Geronzi esclude infine un suo ritorno da “banchiere operativo”: “Quello è un tempo passato – dice - tutti devono individuare il momento della fine".

Leggi tutto