Europa, il Ppe appoggia Monti. Berlusconi: "Si candidi"

1' di lettura

Il premier raccoglie consensi al vertice dei Popolari e assicura: “Il prossimo governo si impegnerà per l’Ue”. Il suo predecessore insiste: “Sia punto di riferimento anche per Pdl”. Barroso: “Ho detto al Cav che è importante che l'Italia sia stabile"

Il premier Mario Monti ha partecipato a sorpresa al vertice del Partito popolare europeo (Ppe) che si è tenuto a Bruxelles prima dell'avvio dei lavori del Consiglio europeo. L'arrivo di Monti alla riunione alla quale ha partecipato anche Berlusconi, non era in agenda. Presente all'incontro dei conservatori europei anche il cancelliere tedesco, Angela Merkel.
"Sono venuto qui, su invito di Martens, per spiegare la situazione politica italiana:  ho ricordato qual era la situazione quando ho iniziato, le cose fatte e le condizioni che hanno determinato la mia decisione" ha spiegato Monti al termine della riunione. "Ho espresso la speranza e la convinzione che quale che sia il prossimo governo, questo si collocherà nel solco della partecipazione europea perché è anche nell'interesse nazionale", ha aggiunto il premier.

Dal Ppe richieste a Monti di ricandidarsi - Nel corso del vertice molti gli attestati di stima rivolti al premier italiano. "Posso solo dire che c'è stato grande sostegno per Monti" ha infatti riferito il presidente dell'Eurogruppo Juncker. E secondo indiscrezioni la cancelliera tedesca Angela Merkel avrebbe chiesto a Mario Monti di ricandidarsi, anche se nella serata di giovedì è arrivata una smentita da Berlino.
"Noi abbiamo detto chiaramente a Monti che ci piacerebbe vedere la sua candidatura e abbiamo avuto un buon feeling", ha riferito poi Elmar Brok, influente eurodeputato della Cdu al termine del pre vertice dei popolari. "Silvio Berlusconi ha ribadito che gli piacerebbe una candidatura di Monti, ma il premier non ha risposto", ha aggiunto inoltre Brok. Sulla stessa linea anche il premier olandese Rutte: "E' chiaro che il Ppe supporta Mario Monti e non Silvio Berlusconi. I popolari europei apprezzano i risultati raggiunti dal premier Monti".

Berlusconi: "Con Monti e la Lega si vince" - Secondo quanto riferito da Berlusconi (VIDEO) però il Ppe sarebbe soprattutto preoccupato della svolta a sinistra dell'Italia e ha definito una distorsione dei media il fatto che lui possa sostenere posizioni anti-europeiste. A proposito di Monti, poi, secondo il Cavaliere, il professore "può governare meglio" con l'input dei partiti. "Spero Monti accetti la mia proposta, anche se per ora non l'ha fatto - ha detto Berlusconi - Capiamo le difficoltà di chi si è posto sopra le parti a diventare parte, non avremmo rincrescimenti se dovesse non accettare, ma con i moderati uniti e la Lega guidati da Monti si vince". Berlusconi ha però anche affermato di avere sondaggi in base ai quali se si presentasse potrebbe "prendere gli stessi voti del 2008" (VIDEO).

Attestati di stima da Hollande al Fmi - Le parole di stima per Monti sono arrivate anche presidente francese Francois Hollande (VIDEO). "Monti è l'uomo che ha consentito all'Italia di rialzarsi e di riprendere un ruolo chiave, e ha fatto sì che l'Italia sia rispettata" ha detto il presidente francese entrando al summit Ue.
E anche il portavoce del Fondo Monetario Internazionale (Fmi), Gerry Rice si unisce al coro (VIDEO): le misure decise dal premier Mario Monti sono "coraggiose" e vanno nelle giusta direzione e "dovrebbero essere attuate. L'Italia è sulla strada giusta e bisogna continuare su questa strada".

Barroso a Berlusconi: "Importante Italia sia stabile" - Prima del vertice, in una conferenza stampa con il premier Monti sull’accordo sulla vigilanza bancaria, il presidente della Commissione Ue Josè Manuel Barroso ha riferito dei suoi contatti con l'ex premier italiano. "Ho parlato ieri con Silvio Berlusconi" e gli ho ribadito "molto francamente l'importanza di avere un'Italia stabile e che prosegua sulla strada delle riforme. Questo è cruciale per l'Italia e per l'Europa". Parole che arrivano dopo che la ridiscesa in campo di Berlusconi ha scatenato una certa apprensione a livello europeo, con il Cavaliere che ha parlato di "reazioni offensive".

Monti: "Non commento le parole di Berlusconi" - Le domande su Berlusconi hanno interessato naturalmente anche il premier Monti, che interpellato sulle ultime dichiarazioni del Cavaliere, che ha detto di vederlo bene alla guida del centrodestra, ha risposto: "Non ho nessun commento da offrire, non sarebbe comunque il momento. Sono impegnato ancora per breve tempo a concludere ciò che il governo deve ancora compiere e non è il luogo per queste considerazioni"."Mentre è il momento – ha continuato Monti - per ribadire che qualunque sarà l’esito delle elezioni ci sarà un governo che si appoggerà l’avanzamento dell’integrazione europea. L’Italia e gli altri Paesi sono più forti se l’integrazione europea procede". "Mi auguro - ha concluso Monti - che l’Italia sia un protagonista sempre più incisivo in dialogo con gli altri stati membri".

Leggi tutto