Istat, fiducia dei consumatori mai così male dal 1996

1' di lettura

Secondo l'istituto di statistica le aspettative delle famiglie sul futuro raggiungono il dato più basso da quando vengono registrate. Male soprattutto i dati sul bilancio famigliare

A novembre l'indice del clima di fiducia dei consumatori scende a 84,8 da 86,2. E' quanto fa sapere l'Istat, spiegando che si tratta del dato più basso dal gennaio 1996, ovvero dall'inizio delle serie storiche. Sul peggioramento pesano anche il deteriorarsi delle aspettative su futuro e disoccupazione.

L'Istituto di statistica indica per il mese di novembre una diminuzione sia della componente riferita al clima economico generale (da 71,5 a 69,4), sia quella relativa alla dimensione personale (da 91,0 a 90,9). Invece si registra un miglioramento del clima corrente (da 91,9 a 92,3), mentre subisce una decisa flessione il dato sulla situazione futura (da 78,2 a 75).

Nel dettaglio, fa sapere sempre l'Istat, peggiorano le opinioni e le attese sulla situazione economica della famiglia. Il saldo dei giudizi sul bilancio familiare cala, mentre le opportunità attuali di risparmio e le possibilità future segnano un miglioramento. A livello territoriale il clima di fiducia aumenta lievemente nel Mezzogiorno, ma diminuisce nel resto del Paese.


Leggi tutto