Fisco, nonostante la crisi entrate tributarie in aumento

1' di lettura

Nei primi nove mesi del 2012 lo Stato ha incassato oltre 10 miliardi di tasse in più. Dalla lotta all'evasione sono entrati circa 5 miliardi. In calo invece i proventi da giochi e lotto

Nel periodo gennaio-settembre 2012 le entrate tributarie erariali si sono attestate a 292 miliardi di euro, evidenziando una crescita del 3,8% (+10.627 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Lo comunica il Dipartimento delle Finanze del ministero dell'Economia. Dalla lotta all'evasione, inoltre risultano pari a 5.197  milioni di euro, con un incremento del 6,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

"Nel complesso, pur in presenza di una congiuntura fortemente negativa, spiega la nota, la dinamica delle entrate tributarie conferma la tendenza alla crescita a ritmi superiori rispetto all'analogo periodo dello scorso anno per effetto delle misure correttive varate a partire dalla seconda metà del 2011", aggiungendo che "alla variazione positiva delle entrate ha contribuito il gettito di spettanza erariale della prima rata di acconto dell'Imu, che è risultato in linea con le previsioni".

In calo invece le entrate relative ai giochi nei primi nove mesi dell'anno. che si riducono complessivamente dell'8,3% (-858 milioni di euro). Tra queste si evidenzia l'andamento positivo delle lotterie istantanee (+0,4% pari a +4 milioni di euro) mentre risultano in calo le entrate derivanti dagli apparecchi e congegni di gioco (-1,0% pari a -28 milioni di euro) e le entrate relative ai proventi del lotto (-10,1% pari a -517 milioni di euro).

Leggi tutto