Bce: senza completo risanamento Italia esposta a rischi

1' di lettura

L'Eurotower invita i Paesi Ue a rispettare gli obiettivi di bilancio fissati e rivede al ribasso le stime della crescita all'interno dell'Ue: "Le condizioni dei mercati sono peggiorate, e ciò suggerisce un ulteriore incremento della disoccupazione"

Un risanamento incompleto dei conti esporrebbe l'Italia a nuovi rischi. Lo dice la Bce nel Bollettino mensile. Questo perché "consentirebbe al massimo di stabilizzare il rapporto debito/Pil ai livelli attuali e non fornirebbe un margine di sicurezza adeguato in caso di andamenti macroeconomici avversi". Secondo l'Eurotower, le condizioni dei mercati nell'Eurozona sono peggiorate, e ciò suggerisce un ulteriore incremento della disoccupazione.
"E' essenziale che vengano rigorosamente rispettati gli obiettivi di bilancio in maniera sostenibile e che i disavanzi eccessivi siano corretti entro le scadenze concordate".
La Bce ribadisce la revisione al ribasso delle stime di crescita dell'eurozona nel 2012 e 2013, come aveva già annunciato il presidente Mario Draghi nella riunione del board il 6 settembre. Quest'anno il Pil di Eurolandia segnerà una variazione compresa tra -0,6% e -0,2% contro la stima di giugno compresa tra -0,5% e +0,3%. L'anno prossimo il Pil registrer una variazione tra -0,4% e +1,4% contro la precedente stima di una crescita fra 0% e +2%.

Leggi tutto